Carlo Menzinger
Vita nuova (ucronia)

Vedi
Titolo Vita nuova (ucronia)
Come fu che Dante Alighieri non scrisse la Vita Nuova
Autore Carlo Menzinger
Genere Narrativa      
Dedicato a
a chi non crede nell´amore predestinato
Pubblicata il 09/04/2007
Visite 5383
Scritta il 20/03/2007  
Punteggio Lettori 97
Note Questo è un racconto ucronico. Chi volesse partecipare all´antologia di fantastoria visiti il Forum http://www.liberodiscrivere.it/forum/forum_posts.asp?TID=66&PN=1
Anche quell’estate a Firenze faceva un gran caldo. Quella conca in cui la città è adagiata assai di rado lascia, infatti, che il vento penetri e dia un po’ di ristoro ai suoi abitanti nei giorni d'estate.
Lapa, la figlia di Chiarissimo Cialuffi, stava attraversando il Ponte alla Carraia sul nuovo pavimento in legno che era stato ricostruito in fretta, dopo che l’alluvione quella primavera l’aveva travolto e distrutto. Sudava copiosamente in quegli abiti troppo lunghi per la stagione ma cercava di non darlo a vedere. La seguiva svogliatamente un ragazzino di circa nove anni. Era figlio di suo marito e della precedente moglie, Donna Bella, morta quattro anni prima, nel 1270. Oltre il fiume si vedeva Ponte Vecchio, anch’esso ricostruito dopo un’altra delle disastrose piene dell’Arno, quella del 1117.
Lapa teneva per mano il figlio Francesco, mentre una serva reggeva in braccio la figlia Tana.
Attraversato il Ponte alla Carraia il gruppetto si diresse verso la Torre dei Foraboschi.
Fu proprio là sotto che, attraverso la piazza, vennero loro incontro una donna con una bambina.
Erano la figlia di Folco Portinari e una donna che prestava servizio nella sua casa. La piccola aveva più o meno la stessa età del ragazzino che si trascinava dietro Lapa.
Il bambino la vide e rimase per qualche secondo a fissarla a bocca aperta, mentre s’incrociavano. Era una splendida figliola e il suo aspetto lo colpì all’istante. Aveva, pensò, un’aria così gentile e così…onesta. Quell’aggettivo era forse un po’ strano per descrivere una bambina ma al figliastro di Lapa parve proprio quello giusto.
La giovane Portinari s’accorse di essere fissata da quel ragazzino dall’aria inebetita. Non era affatto bello, notò, con quel naso aquilino, che prometteva già di crescere ancora, e quegli occhi incavati. Con quella bocca spalancata, poi, pareva ancor più brutto. Lo guardò con gli occhi bassi, cercando di non farsi notare.
Anche se erano coetanei, lei sembrava molto più grande. Le bambine crescono prima dei maschi, si sà.
La ragazzina, sollevò lo sguardo, fino a quel momento così pudicamente trattenuto, e lo fissò un istante, poi tirò fuori la lingua e, senza farsi notare dalla donna che l’accompagnava, gli fece una pernacchia silenziosa, strabuzzando gli occhi e arricciando il naso. Per finire tirò fuori una bella fetta di lingua.
Il ragazzino passò in un istante dall’ammirazione per quella figuretta aggraziata, all’odio verso quella bambina scostumata.
-         Chi era quella bambina? – chiese alla matrigna, quando si furono allontanati.
-         Chi? Quella che passava? Credo fosse la figliola di Folco Portinari. Si chiama, se non erro, Beatrice.
-         Bleah, Beatrice! – fece di rimando il figliastro – che nome orrendo! E’ proprio una bambina antipatica. La chiamerò “Bleahtrice”!
-         Ah, ah! – rise la donna – Non dirlo troppo forte, Dante. Magari tra qualche anno potresti innamorarti di lei!
-         Non certo in questa vita – rispose il bambino. Ci pensò un attimo e poi aggiunse: - e neanche in una vita nuova.
 
_______________________________

VITA NUOVA si può ora leggere nel volume UCRONIE PER IL TERZO MILLENNIO, edito da liberodiscrivere http://www.liberodiscrivere.it/biblio/scheda.asp?OpereID=131466

Non ci sono commenti presenti.

Pubblica il tuo commento (minimo 5 - massimo 2.000 caratteri)

Qui devi inserire la tua Login!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password?

Qui devi inserire il tuo nickname!

Qui devi inserire la tua email!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password? Inserisci il tuo indirizzo email e riceverai i dati di accesso.

Qui devi inserire la tua email!

Ritorna alla login

Chiudi