Carlo Menzinger
LA GUERRA DEI CASTORI E DEI SALMONI (ho letto un libro)

Vedi
Titolo LA GUERRA DEI CASTORI E DEI SALMONI (ho letto un libro)
Autore Carlo Menzinger
Genere A proposito di LDS      
Dedicato a
Alessandro Cinelli e Vito Parisi
Pubblicata il 02/03/2003
Visite 6680
Punteggio Lettori 60
In questi giorni in cui non c’è casa dalle cui finestre non penda una bandiera con i colori dell’arcobaleno e la scritta “Pace” è possibile dire “Mi piace la guerra”?
Io credo di sì, se la guerra di cui si parla è “la guerra dei castori e dei salmoni”, il bel romanzo di Cinelli e Parisi.
Dopo averne letto un estratto sulle pagine web di Liberodiscrivere mi sono subito detto che quelle righe promettevano molto bene e che se l’intero romanzo riusciva a mantenersi su quel livello meritava certo d’esser letto.
Ho quindi ordinato subito una copia del volume e, appena possibile, l’ho letto, compiacendomi del mio intuito: si tratta infatti di un ottimo libro.
Per ottimo libro intendo dire che descrive con grande semplicità una bella storia. Una storia che, nella sua immediatezza, descrive il nostro mondo assai meglio di tanti saggi o di romanzi che girano e girano intorno alla sostanza delle cose senza mai colpire il bersaglio.
Questo non capita al romanzo breve (o racconto lungo) di Cinelli e Parisi. Ci narrano una fiaba, con tutte le caratteristiche (tranne il lieto fine) delle belle favole ma dietro a questa vicenda di salmoni, castori, aquile e vermi ci fanno intravedere una visione chiara della guerra e del terrorismo. Tutto ciò però senza disturbare con pesanti moralismi e conservando una trama leggera, così leggera che ho potuto persino raccontarla a mia figlia di cinque anni che più volte già mi ha chiesto di raccontargliela ancora. E devo dire che ben vedrei questo racconto trasformato in un cartone animato.
E’ questo un romanzo che metterò nella mia libreria accanto alla “Collina dei conigli”, di cui ha la capacità di descrivere un mondo animale corale e solo parzialmente umanizzato, e la “Fattoria degli animali”, di cui sembra conoscere le metafore favolistiche. Certo se i suoi due egregi autori avessero avuto la fortuna di nomi più illustri sarei stato sicuro che questo volume avrebbe presto potuto figurare in ben altre librerie accanto a questi e ad altri romanzi che, parlando di animali, descrivono l’uomo e i suoi bisogni primordiali. Non posso cioè non pensare al “Gabbiano Jonathan Livingstone” o alla “Gabbianella ed il gatto”, per citare i più moderni ma in realtà la tradizione cui questi autori si rifanno affonda assai più indietro nel tempo e c’è in loro qualcosa di Fedro, Esopo o La Fontaine.
Di questi autori antichi conservano uno sguardo genuino sul mondo che, nonostante tanti celebri antenati, gli permette di osservare l’umanità con occhi privi di sovrastrutture culturali (questa è la prima impressione ed il pregio dell’opera ma ben si capisce che il messaggio lanciato è assai importante e “culturalmente” profondo).
Ed è quindi divertente il sovrapporsi ad una simile trama di una serie di note scherzose al testo con il quale gli autori fingono di eseguire una “nuova traduzione” di un antico testo cimmerico-cimbrico in cui le metafore alludono non al nostro mondo ma agli antichi conflitti tra tali popoli.
Leggere queste pagine, in giorni come i nostri in cui i venti di guerra soffiano particolarmente impetuosi, non può che fare un certo effetto e fa riflettere su quanto sia giusto il dominio di certe aquile e quanto possa rivelarsi inutile e dannosa ogni guerra.
Non voglio dirvi di più per consentirvi di assaporare meglio la lettura di questo testo, lettura che sarebbe un peccato per chiunque procrastinare o evitare.

Firenze, 16.2.03




Commenti dei Lettori
Commento della redazione

Lascia perdere il commento positivo che mi hai fatto (dovessero pensa' che si tratta di voto di scambio) voi per me siete un problema. Ti spiego. Tempo fa decisi di comprare un libro di liberodiscrivere adesso i libri diventano due. E quando li leggo? Vi odio :) ma non posso fare altrimenti vista la bella critica che hai fatto... firmato...il cronico perditore di tempo (detto anche 'azzeggiatore)
Voto Attribuito: 5
DuPalle (02/03/2003)

Intanto grazie per il tuo commento preciso e completo alla mia ultima poesia. Queste sono le critiche che servono a guardarsi con maggiore obiettività, staccandosi dall'argomento di cui si è scritto. A migliorarsi. I classici che citi in questo brano piacciono molto anche a me. Parlano di libertà sopra ogni altra cosa. E di dignità.
Voto Attribuito: 5
Silvia Ponti (02/03/2003)

Sono semplicemente imbarazzato. Tutti troppo buoni con me e Vito. Sono felice che il libro ti sia piaciuto. E ancora di più pensando alla bambina. Sono loro che dovrebbero leggerlo (fra una decina di anni magari).
Voto Attribuito: 5
Alessandro Cinelli (02/03/2003)

Beh, francamente non posso fare altro che ringraziarti, lusingato dall'apprezzamento che ci dai e per come sei riuscito a calarti nello spirito di quel che abbiamo scritto
Voto Attribuito: 5
Vito Parisi (03/03/2003)

Non sei stato buono, sei stato soltanto obiettivo e conoscendo la tua valenza so di non aver comprato un libro da libreria, ma un libro da leggere e propagandare. Se avessi letto prima questo tuo resoconto, avrei certamente abbozzato un commento anch'io. Ciao Ager
Voto Attribuito: 5
Aquila della notte (15/04/2003)

Volevo scegliere un pezzo da mettere sul nostro "Banchina" in occasione dell'incontro a Genova del 20/6 alle ore 18, nel corso del quale sarà presente Cinelli. Questo mi sembra sintetizzare bene le opinioni sul Testo di Parisi e Cinelli, è un bel commento che illustra bene il contenuto dell'opera e lo inquadra perfettamente sul piano di questo tipo di narrativa. Ho il tuo OK? Ciao, Guido
Voto Attribuito: 5
Guido De Marchi (13/06/2003)

Pubblica il tuo commento (minimo 5 - massimo 2.000 caratteri)

Qui devi inserire la tua Login!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password?

Qui devi inserire il tuo nickname!

Qui devi inserire la tua email!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password? Inserisci il tuo indirizzo email e riceverai i dati di accesso.

Qui devi inserire la tua email!

Ritorna alla login

Chiudi