Pier Paolo Sciola
Clinicamente Vivo

Vedi
Titolo Clinicamente Vivo
Autore Pier Paolo Sciola
Genere Poesia      
Pubblicata il 24/10/2004
Visite 2237
Punteggio Lettori 30

declino tutti i giorni
come lingua spesa la
mia stupida portanza

coniugo due mani a liberare
un pugno di farfalle
come prete senza chiesa

il mio fucile è l’asma ma
qualcuno gode a rompere
le lepri

(tollerante ma insincero io non
sopporto
malattie che non prevedano
le mie iniezioni)

andiamo per le vie a comprare
sigarette a
visitare i morti
e il parcheggio non si trova
(gli handicappati in giallo siamo noi)

ho dilapidato fede ma
porto in tasca spiccioli
bucati di speranza

con gusto le falangi
ad avvitare le entrature
il cazzo è sordo a questo
servono gli anelli d’oro
a mappare migrazioni

clinicamente vivo dicono
in stand by facciamo
coma pilotato quelli senza
musica il dolore il senso

male, oggi è domenica
(il serpente e l’orso non lo sanno)
un altro giorno senza culo.

Non ci sono commenti presenti.

Pubblica il tuo commento (minimo 5 - massimo 2.000 caratteri)

Qui devi inserire la tua Login!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password?

Qui devi inserire il tuo nickname!

Qui devi inserire la tua email!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password? Inserisci il tuo indirizzo email e riceverai i dati di accesso.

Qui devi inserire la tua email!

Ritorna alla login

Chiudi