Maldola Rigacci
DARI’ DEI PARAVENTI DI SETA

Vedi
Titolo DARI’ DEI PARAVENTI DI SETA
Autore Maldola Rigacci
Genere Poesia      
Dedicato a
mia figlia Daria, che sta per compiere 18 anni
Pubblicata il 03/01/2005
Visite 4303
Punteggio Lettori 127
Note "...Voi siete gli archi da cui i figli, come frecce vive, sono scoccate in avanti...essi abitano la casa del domani, che non vi sarà concesso visitare neppure in sogno.." (K. Gibran)
DARI’ DEI PARAVENTI DI SETA

E ridi Darì ,

lamina d’oro la nebbia
in pallide foglie scava nicchia
per i tuoi scrigni
su finestre al colore di neve calda
posati
fra braccia piene di sentieri
in disgelo di papaveri
a turbinare distese
chiuse
da paraventi di seta.

Ridi Darì ,
ha occhi in piazza a festa
l’inverno.
Nastri verdi ad ogni gelo
in mazzi di fioraie
chiudono fuori
la notte.

Io
t’invento costellazioni di lampioni
a chiamare mattini lunghi da infilare
in ricamo su tovaglie ariose
come ventagli grandi
a filo della tua bocca.
Tu
mi sillabi nomi nuovi
uno per ogni mia ora
crocette e crocette su mappe
filigranate in palmo di zingara
a portare dote antica di coralli
e profezie raccolte nelle piogge.

Darì ridi ,
veglio l’abisso troncato d’improvviso
il fiore cupo a sbarrare cammini
le mani pesanti attaccate alla luce
per non dividere il tempo.

Tingiti i capelli d’azzurro e d’argento
che il silenzio è partito.

Non ci sono commenti presenti.

Pubblica il tuo commento (minimo 5 - massimo 2.000 caratteri)

Qui devi inserire la tua Login!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password?

Qui devi inserire il tuo nickname!

Qui devi inserire la tua email!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password? Inserisci il tuo indirizzo email e riceverai i dati di accesso.

Qui devi inserire la tua email!

Ritorna alla login

Chiudi