M. Gisella Catuogno
Mediterranea-Spezie, seta, giada e orchidea

Vedi
Titolo Mediterranea-Spezie, seta, giada e orchidea
Autore M. Gisella Catuogno
Genere Poesia - Amore      
Pubblicata il 22/01/2005
Visite 4729
Punteggio Lettori 127
Non chiedermi bonaccia di mare,
quando libeccio esausto cessa
il tormento alle onde
e più sicuri i pesci
guadagnano il fondale;
non suggerirmi aurora
di luce soffusa
o alba che indugia
tra sfumature pastello
né soffio di primavera
che accarezza le tane
a ghiri, a marmotte
e li invita all’uscita;
non additarmi saggezza
di formica che colma
di grani la casa e
serra la porta all’inverno
né ritrosìa di cerbiatta
che fugge impaurita
a ogni respiro di foglia:

io sono mare in burrasca
che s’agita, ansima,
non rispetta confini
e divora orizzonte;
io sono tramonto
che incendia
e maestrale
che urla, che spazza
e anche dei cirri
rende orfano il cielo.
Io sono volo d’albatro
in abisso d’azzurro
e spezie, seta, giada, orchidea
per i tuoi ristori d’amore.

Non ci sono commenti presenti.

Pubblica il tuo commento (minimo 5 - massimo 2.000 caratteri)

Qui devi inserire la tua Login!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password?

Qui devi inserire il tuo nickname!

Qui devi inserire la tua email!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password? Inserisci il tuo indirizzo email e riceverai i dati di accesso.

Qui devi inserire la tua email!

Ritorna alla login

Chiudi