M. Gisella Catuogno
Lasciami viaggiare coi vènti

Vedi
Titolo Lasciami viaggiare coi vènti
Autore M. Gisella Catuogno
Genere Poesia      
Pubblicata il 29/01/2005
Visite 4446
Scritta il 01/01/2005  
Punteggio Lettori 127
Lasciami viaggiare coi vènti
a plasmare cristalli di sogno
che non si sciolgano
a carezze di sole mattutino:
Borèa mi offre gemme d’ambra
in diafane dita di gelo
e algido splendore
d’immacolata neve
in profumo di muschi e licheni
e gorgoglìo di mare
che assedia la montagna
in profondità di fiordo.
Né tace memoria d’antiche sfide
tra uomo e natura
e luce e buio
che si distillano lenti
varcando le ore del giorno
in estenuante durata.

Fastoso sopraggiunge Levante
che m’avvolge, m’intriga
mi colora di seta
mi profuma di mirra
in sussurro di fiabe
d’odalische e califfi:
Shahrazàd che racconta,
Shahriyàr che s’incanta;
e dall’India remota
mormorio di preghiera,
immersione nel Gange
in sacrale ricerca
d’ancestrale purezza,
levità di materia.

Poi dal sud soffia Austro
intriso di sabbia e d’umori
che m’investe, m’abbatte
mi regala il deserto,
beduini e cammelli
e distese di dune:
raccomanda tenacia
e m’avvolge di lana
in riparo di sole.

Spira austero Ponente
che divora le nubi
e mi porta sapore
di lontano occidente,
dell’atavica voglia
di superare colonne
e inoltrarsi nel blu
in disprezzo di rischio,
in protendersi ardito
verso nuovi orizzonti.

Non ci sono commenti presenti.

Pubblica il tuo commento (minimo 5 - massimo 2.000 caratteri)

Qui devi inserire la tua Login!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password?

Qui devi inserire il tuo nickname!

Qui devi inserire la tua email!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password? Inserisci il tuo indirizzo email e riceverai i dati di accesso.

Qui devi inserire la tua email!

Ritorna alla login

Chiudi