M. Gisella Catuogno
Mediterranea - Per mare

Vedi
Titolo Mediterranea - Per mare
Autore M. Gisella Catuogno
Genere Poesia      
Dedicato a
A mio padre, che è stato marinaio
Pubblicata il 02/02/2005
Visite 4323
Scritta il 01/01/2005  
Punteggio Lettori 127
Ho navigato a vista
lasciandomi mordere
da onde bambine,
lo sguardo teso
a scorgere profili
di monti amici
e rocce impazienti
di tuffarsi nell’acqua
in tripudio di ginestre,
lavanda e rosmarino;
poi minuscole case
affacciate al salmastro
e campanili intenti
a nutrire la nostalgia
dei naviganti

Ho salutato isole
vacillanti a reggere
il peso della solitudine
poi fari intrepidi,
vigili sentinelle
di navi e di velieri
e faraglioni irti
che spuntano
a improvvisa dimora
d’assonnati gabbiani.

Ho navigato d’altura,
quando la costa diventa
miraggio e all’orizzonte
il cielo si sposa con l’acqua:
allora, mentre l’onda sale
affuisce, rotola, srotola
e corre a perdersi in altra
onda sorella, allora, ho chiesto
al mare di rivelarmi segreti:
dell’amplesso dell’acqua
col vento, che vortica,
incalza e genera schiuma;
delle correnti inquiete,
dei fiumi e dei ruscelli
in cerca di culla,
dei tesori nascosti,
della vita che pullula sotto
e di Ulisse e di Nemo,
di Achab e Magellano
e delle sirene che
non ammaliano più
il nostro disincanto
la nostra vana ricerca
d’illusione e di sogno.

Non ci sono commenti presenti.

Pubblica il tuo commento (minimo 5 - massimo 2.000 caratteri)

Qui devi inserire la tua Login!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password?

Qui devi inserire il tuo nickname!

Qui devi inserire la tua email!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password? Inserisci il tuo indirizzo email e riceverai i dati di accesso.

Qui devi inserire la tua email!

Ritorna alla login

Chiudi