M. Gisella Catuogno
Mediterranea-Simenon e il pescatore (Racconto breve)

Vedi
Titolo Mediterranea-Simenon e il pescatore (Racconto breve)
Autore M. Gisella Catuogno
Genere Narrativa      
Dedicato a
King Arthur, che mi aveva suggerito di trasformare in racconti, il diario di bordo di Simenon...
Pubblicata il 11/04/2005
Visite 4837
Punteggio Lettori 127
Note Liberamente ispirato a "La Méditerrané en goélette"
Nel 1934 Georges Simenon, a bordo dell’Araldo, veliero italiano a due alberi, compì una crociera nel Mediterraneo. Tra le tappe di questo viaggio che toccò, tra gli altri porti, Genova, Napoli, Siracusa, Atene, ci fu anche una sosta a Cavo, minuscolo paese dell’Isola d’Elba da cui proveniva l’equipaggio. Il periplo del "Mare nostrum" stimolò in Simenon una riflessione sulla enorme differenza tra la civiltà mediterranea e quella atlantica: statica, quasi impermeabile a ogni forma d’evoluzione e chiusa nella sua miseria atavica, seppure dignitosa, la prima; dinamica, aperta, conscia dei propri diritti nei confronti della storia e dei suoi protagonisti, la seconda. Eppure nell’ambiente mediterraneo, così povero economicamente, lo scrittore scoprì impensabili tesori di sensibilità e solidarietà, gaiezza e gioia di vivere.
Per tutta la notte il pescatore aveva lavorato a piazzare nasse e reti sul fondale.
Il mare era arrabbiato, non trovava pace sotto lo scirocco che incalzava come se soffiassero i diavoli dell’Inferno.
Simenon l’aveva visto sulla sua barca a fondo piatto che sembrava arrendersi da un momento all’altro alle onde e aveva avuto paura per lui.

L’indomani mattina il vento era calato ma il cielo era coperto da nuvoloni bassi e grigi come il piombo, i gabbiani non si alzavano e il mare appariva ancora gonfio e irrequieto.
Lo scrittore passeggiava per l’unica strada del villaggio, con la pipa all’angolo della bocca, guardando quelle vigne che scendevano fin quasi al mare, già cariche d’uva, ma quasi incolte, come se il contadino non contasse che sul sole per la vendemmia; non c’era ordine nelle colture, come non ce n’era nella disposizione delle case: i cavoli crescevano accanto alle erbe selvatiche e gli asini col basto sul dorso erravano in compagnia delle capre.
I fichi maturi si affacciavano ai sentieri e ognuno poteva coglierne: l’aria, pur nell’oppressione dello scirocco, aveva la loro stessa dolcezza.
Ad un tratto lo vide: il pescatore aveva una cesta in mano e andava di porta in porta.
-Buona pesca?- gli grida Simenon
L’uomo non risponde, gli mostra la cesta che contiene una specie di serpente a macchie gialle e nere, diviso in dieci pezzi: è una murena di un chilo circa.
-Che ne fai?- chiede lo scrittore togliendosi la pipa di bocca, incredulo per quel che immagina di sentirsi rispondere.
-La vendo pezzo per pezzo...qui la gente è povera, è già tanto se ogni famiglia ne compra un morso a testa.
Poi la cucina col pomodoro dell’orto, la nipitella e ci condisce la zuppa...il sapore, ecco, basta il sapore...
Arrivederci, signore, buona giornata!
Simenon stupito e intenerito lo guardò allontanarsi senza riuscire a rispondere al saluto.

Non ci sono commenti presenti.

Pubblica il tuo commento (minimo 5 - massimo 2.000 caratteri)

Qui devi inserire la tua Login!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password?

Qui devi inserire il tuo nickname!

Qui devi inserire la tua email!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password? Inserisci il tuo indirizzo email e riceverai i dati di accesso.

Qui devi inserire la tua email!

Ritorna alla login

Chiudi