Pier Paolo Sciola
La tua pelle è alfabeto per i ciechi

Vedi
Titolo La tua pelle è alfabeto per i ciechi
Autore Pier Paolo Sciola
Genere Poesia      
Pubblicata il 14/06/2005
Visite 2550
Punteggio Lettori 112



Adesso piove
fuori dentro apriamo
una finestra il giorno due narici
o quattro il mondo
fuma nel vapore amplessi appena
consumati

Siamo dentro nudi dici
usciamo è folle perché no?
corriamo a piedi scalzi l’acqua
disegna cantilene ai genitali
senza calze gli occhi infrangono
prigioni

Scappi ti raggiungo ti riporto
indietro come preda
ridente mi rotoli nel fango
ci
facciamo bimbi i primi
il tuono nos divorat

Tutti sporchi ci baciamo
puliti la tua pelle
è alfabeto per i ciechi
ci parlo sopra con le dita
torniamo dentro dici
con le unghie

Io ti lavo tu
mi lavi terra grassa
cola cioccolata
incredule le mani a coppa
d’abbondanza poi si scivola
in piedi con i piedi

Abbiamo fame tu cucini
qualche cosa stappo una bottiglia
verso un po’ di vino fumo
porti in tavola un capezzolo
di gomma da mangiare lui
fa capolino dall’accappatoio

La porta del piacere i sensi
sfiorandoli di nocche
premere per credere
il bottone dove entrare il fuoco
è qui vicino aspetta
un po’ di fiato per disdire
o raccontarci la vita

Dalle persiane spalancate
dietro i vetri falsi
fuori al buio
ci guardano smarriti
volti di persone non
sembrano contente



Non ci sono commenti presenti.

Pubblica il tuo commento (minimo 5 - massimo 2.000 caratteri)

Qui devi inserire la tua Login!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password?

Qui devi inserire il tuo nickname!

Qui devi inserire la tua email!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password? Inserisci il tuo indirizzo email e riceverai i dati di accesso.

Qui devi inserire la tua email!

Ritorna alla login

Chiudi