Rinaldo Bernardi
Satana in Ticino

Vedi
Titolo Satana in Ticino
Diario in cronaca, tra criminologia e ideologie
Autore Rinaldo Bernardi
Genere Narrativa - Esoterismo      
Pubblicata il 05/09/2006
Visite 16616
Editore Liberodiscrivere® Studio64 srl Edizioni Genova
Collana Spazioautori  N.  4
ISBN 88-7388-084-3
Pagine 150
Prezzo Libro 12,00 € PayPal

Ma perché Satana in Lombardia negli ultimi vent’anni ha scelto le Valli del Ticino e le zone adiacenti al Po per farsi vedere?

Proprio il Ticino, in particolare, ha da sempre un alone magico. Pagano. Il luogo è pieno di energie. Anticamente il Fiume Azzurro chiamato dalle popolazioni del Nord “Tes-inn” era considerato luogo di alta spiritualità...

Ticino esoterico e pagano

Ma perché Satana in Lombardia negli ultimi vent’anni ha scelto le Valli del Ticino e le zone adiacenti al Po per farsi vedere?
Proprio il Ticino, in particolare, ha da sempre un alone magico. Pagano. Il luogo è pieno di energie. Anticamente il Fiume Azzurro chiamato dalle popolazioni del Nord “Tes-inn” era considerato luogo di alta spiritualità.
Il Ticino nasce in Svizzera al Passo di Novena, poi a Bellinzona volgendo a Ovest chiude il suo arco e traversato l’alluvionale piano di Magadino entra nel Lago Maggiore da cui esce nei pressi di Sesto Calende per gettarsi nel Po a valle di Pavia dopo aver lambito tra le altre parti Vigevano.
All’epoca dei Druidi (600 a.C.) nel folto delle foreste del Ticino fiorivano radure sacre.
Il Fiume Azzurro pare risultasse ricco di “Nemeton”, templi celtici all’aperto.
Poi più tardi fu indicato come luogo di sangue. Le battaglie del Ticino vennero combattute attorno al 218 a.C. tra l’esercito di Annibale che aveva valicato le Alpi e i Romani al comando di Publio Cornelio Scipione. Tali feroci battaglie con vasti spargimenti di sangue si protrassero anche tra la Sesia e il Ticino in pieno territorio di Lomellina.
Su questi argomenti si sono già validamente espressi alcuni autori locali. La cronaca degli ultimi anni ha confermato che l’alone magico del Ticino affascina ancora i cultori di rituali esoterici e satanici. Affascina anche chi ritiene sia possibile esercitare forme di “magia bianca” o riti propiziatori di stampo pagano.
Il maligno ha finito per accontentare gli evocatori. E non ha mancato di lasciare in questi luoghi la sua impronta indelebile di sangue facendo suonare l’allarme della società civile e attivando forme di resistenza scatenate sia da forze cristiane sia laiche.
Non stupisce affatto che in questo clima che sembra ancora profondamente medievale la polizia cantonale lucernese, con avallo dei vescovi svizzeri che si sono espressi nel corso della 253esima sessione ordinaria dalla Conferenza, abbia scelto come figura mistica a protezione dell’attività e della missione l’Arcangelo Michele. La richiesta è giunta in base ad uno studio approfondito svolto da eminenti studiosi su testi sacri e antichi.
Sono ancora molti i misteri irrisolti riguardanti gli atti di satanismo in Lombardia. Questo singolare itinerario racconta quelli inerenti il corso del Ticino.

...
Satanismo contemporaneo, fenomeno sociale, complesso e assai difficile da definire. Satanismo considerato oggigiorno – anche dalla sociologia – un “mistero delle tenebre”. Di recente le Bestie di Satana, ieri nel Vigevanese e nel Pavese crimini irrisolti.

Il libro di Bernardi, giornalista professionista, da anni esperto di esoterismo, entra nelle difficoltà di penetrare l’evento “satanismo” con le sue manifestazioni. Fatto di difficile comprensione “l’atto satanico” ha cause da ricercare nel vasto numero di filosofie, di pratiche e di organizzazioni che abbracciano il concetto demonio. Il libro rende testimonianza di come le “pratiche nere” siano in forte aumento.  

“Le storie del Male, nel Male, sembrano tutte uguali – dice Bernardi – ma la differenza sta negli accanimenti dei loro protagonisti. Il fascino del Male non è innocuo e sembra addirittura avere “proprietà”: alimenta la curiosità intellettiva e successivamente l’odio. L’intelligenza del Male è in grado di assumere forme le più impensabili”.

Ma Bernardi in questo testo fa di più. Riporta alla luce due casi terribili di satanismo. Due casi irrisolti e rimasti impermeabili alla grande cronaca nazionale.

Inizi anni ’90, un commissario di Polizia, viene ritrovato cadavere dinnanzi ai cascinali “satanici” sui quali sta indagando. L’inchiesta si chiude: si tratta di suicidio. Il maligno ha preso anche lui? O in realtà il vicequestore di Vigevano venne ucciso?

Un giovane di Stradella, scompare da casa e non fa più ritorno. Il suo cadavere è ritrovato nei boschi della Cisa straziato da un brutale rito satanico. Lo stesso bosco restituirà altri due corpi: uno di un amico del ragazzo scomparso un anno più tardi.

E ancora la vicenda dei resti umani più volte ritrovati in riva al Po.  

Bernardi raccoglie questo diario in cronaca che si snoda lungo i territori toccati dal Ticino, l’antico Fiume Azzurro chiamato dai Celti “Tes-inn”. Sono luoghi in cui da sempre serpeggia un alone magico, pagano.  Boschi del Ticino scelti dalle Bestie di Satana. 

Non ci sono commenti presenti.

Pubblica il tuo commento (minimo 5 - massimo 2.000 caratteri)

Qui devi inserire la tua Login!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password?

Qui devi inserire il tuo nickname!

Qui devi inserire la tua email!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password? Inserisci il tuo indirizzo email e riceverai i dati di accesso.

Qui devi inserire la tua email!

Ritorna alla login

Chiudi