M. Gisella Catuogno
Stillano i giorni il loro avaro miele

Vedi
Titolo Stillano i giorni il loro avaro miele
Autore M. Gisella Catuogno
Genere Poesia      
Pubblicata il 14/11/2006
Visite 4519
Scritta il 13/11/2009  
Punteggio Lettori 90
Stillano i giorni il loro avaro miele
e lo mescolano all'amaro quotidiano
per tentarmi alla vita, nonostante.
E i nodi dell'ansia che arrochiscono
la voce e la baldanza
profumano di nardo tuttavia.
Arpeggia lieve la mia malinconia
e le sue note si perdono nel vento
non fa più male, ormai, è solo compagnia.
Avvolgo alla mia rocca il filo del passato
[sguardi, sussurri e lame di parole
sorrisi, pianti e grumi di dolore
perle di gioia e grandine di rabbia]
e ne alimento il fuso del presente
pungendomi le dita, non di rado.
Non ho un principe azzurro al mio risveglio
né fatine gentili a trepidare
ma guardo incantata i petali dell'alba
riempio d'acqua sorgiva le mie brocche
aspetto il sole, che sciolga questa brina.

Non ci sono commenti presenti.

Pubblica il tuo commento (minimo 5 - massimo 2.000 caratteri)

Qui devi inserire la tua Login!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password?

Qui devi inserire il tuo nickname!

Qui devi inserire la tua email!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password? Inserisci il tuo indirizzo email e riceverai i dati di accesso.

Qui devi inserire la tua email!

Ritorna alla login

Chiudi