M. Gisella Catuogno
Il canto del mare

Vedi
Titolo Il canto del mare
Autore M. Gisella Catuogno
Genere Poesia      
Dedicato a
A mio padre, marinaio
Pubblicata il 28/02/2007
Visite 4054
Punteggio Lettori 127

A te che navighi ormai
nell’azzurro più profondo,
non manchi, padre,
il canto del mare:
quel canto che ti ammaliò
fin da ragazzo
e ti spinse lontano
a riempire lo sguardo
di orizzonti stranieri.
Chissà che pensieri
veleggiavano al vento
e quale armonia
ti ricamava l’aurora
che tingeva di rosa
il pallore del cielo
mentre stavi al timone!
Certo, calamita era il mare
e tu ne saggiavi l’umore
nel rosario dei giorni
che stillavano lenti:
qualche volta respiro
come bimbo che dorme
ma più spesso furore
che atterrisce e sgomenta.
Eppure lo amavi
come s’ama la vita
che t’innalza e t’abbatte
come s’ama una donna
anche quando tradisce.
Ma la sera al tramonto
nostalgia dilagava
e la voglia di casa
t’arrochiva la voce.
Era allora che il canto
intonava le note che
stregavano il cuore:
s’asciugava lo sguardo
eri pronto a sognare.





Non ci sono commenti presenti.

Pubblica il tuo commento (minimo 5 - massimo 2.000 caratteri)

Qui devi inserire la tua Login!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password?

Qui devi inserire il tuo nickname!

Qui devi inserire la tua email!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password? Inserisci il tuo indirizzo email e riceverai i dati di accesso.

Qui devi inserire la tua email!

Ritorna alla login

Chiudi