M. Gisella Catuogno
Umore settembrino

Vedi
Titolo Umore settembrino
Autore M. Gisella Catuogno
Genere Parole in Libertà      
Pubblicata il 10/09/2007
Visite 3824
Scritta il 09/09/2009  
Punteggio Lettori 76
Ci sono momenti in cui
più acuto e meno sopportabile
si fa il peso della corporeità
e dell´hic et nunc che stai vivendo
e ti sorprendi a viaggiare
in altra direzione e dimensione
da quella consueta
più vicino al pulviscolo di stelle
di cui ti senti intrisa, nonostante.

E avverti allora più faticoso e vero
il tendersi dell´arco verso il cielo,
il desiderio, inappagato sempre,
d´un briciolo d´eterna infinità
e la perennità d´un fuoco
che ti divora dentro
ma resta tuo e ne lambisce
appena altri, suoi fratelli.

Insomma, la sensazione d´essere soli
quasi sempre
come il ciclamino sbocciato troppo presto
nell´umidità del prato settembrino.

Non ci sono commenti presenti.

Pubblica il tuo commento (minimo 5 - massimo 2.000 caratteri)

Qui devi inserire la tua Login!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password?

Qui devi inserire il tuo nickname!

Qui devi inserire la tua email!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password? Inserisci il tuo indirizzo email e riceverai i dati di accesso.

Qui devi inserire la tua email!

Ritorna alla login

Chiudi