Alessandra Palombo
Quarta alternanza

Vedi
Titolo Quarta alternanza
Autore Alessandra Palombo
Genere Poesia      
Pubblicata il 02/11/2007
Visite 3643
Punteggio Lettori 10


Che male c’è

a voler sentire quando si è sordi

a voler correre quando si è zoppi?

In sorte ebbi treni privi di ruote,

ambasce d’amori mancati

affetti falciati

gambe sghembe e legate

all’unico solco visibile.



Ero cieca e quello presi.

La vita schiarisce la vista

si stagliano le ombre

in lontananza per un attimo.



Un tocco leggero

e una guancia si volta

a raccogliere una carezza

di Francesco e al cellulare,

un orecchio la voce

di Beatrice che è volata

come un gabbiano buono

a perlustrare il mare.



Elevo un grazie a Gesù Cristo

per i doni anche se non capisco

perché nel grigio pomeriggio

neppure le rane gracidano più.

Non ci sono commenti presenti.

Pubblica il tuo commento (minimo 5 - massimo 2.000 caratteri)

Qui devi inserire la tua Login!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password?

Qui devi inserire il tuo nickname!

Qui devi inserire la tua email!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password? Inserisci il tuo indirizzo email e riceverai i dati di accesso.

Qui devi inserire la tua email!

Ritorna alla login

Chiudi