Giovanni Barlocco
i delitti di Borgoglio

Vedi
Titolo i delitti di Borgoglio
Autore Giovanni Barlocco
Genere Narrativa - Giallo, Noir, Poliziesco      
Pubblicata il 28/01/2008
Visite 16836
Punteggio Lettori 10
Editore Liberodiscrivere® edizioni
Collana Le Vespe  N.  1
ISBN 9788873881612
Pagine 238
Prezzo Libro 12,00 € PayPal

Il mostro di Bargagli, un caso irrisolto che ha riempito le pagine di cronaca, fornisce lo spunto per un romanzo di fantasia. A Borgoglio, un paesino dell’entroterra genovese, a pochi chilometri dal mar Ligure, tra gli anni Settanta e Ottanta vengono compiuti dei delitti efferati che sembrano collegati alla Seconda Guerra Mondiale. Tocca al commissario Marcello Cattaneo dipanare la matassa. Lo aiuta Paolo, l’immancabile amico cronista. Il romanzo a tinte noir di Giovanni Barlocco ben si colloca nell’ormai consolidata tradizione del giallo ligure, che negli ultimi anni ha dimostrato maturità e consapevolezza, capacità di costruire trame intricate e di saperle svolgere fino alla fine, con tanto di colpi di scena. L’entroterra abitato soprattutto da anziani appare pieno di zone in ombra, con i suoi abitanti scontrosi che si chiudono a bozzolo. Diversi sono i giovani – Marcello, Paolo, Michela e Laura - che ormai fanno parte di un mondo globalizzato. Il romanzo si fa seguire anche per le descrizioni del paesaggio: l’incubo del mostro si stempera tra le rocce a picco che rosolano al sole, la verticalità dei dirupi, gli odori e gli umori del bosco, gli alberi di fico e i castagni, i tramonti e le albe sul mare.

Laura Guglielmi
Si arrestò.
Intorno non c'era nessuno e la campagna restituiva al suo orecchio, fattosi attento, i consueti fruscii.
Eppure non si era sbagliata, nonostante l'età ci sentiva benissimo, era un suo orgoglio quell'udito da ventenne; ad un tratto si era mosso qualcosa, vicino, nei cespugli a fianco del sentiero, un rumore che le aveva fatto formicolare la nuca... al giorno d'oggi se ne leggono tante sui giornali.... Si fece coraggio:
"Che stupida - pensò, riprendendo a camminare- questa strada l'ho fatta migliaia di volte, al buio. Poteva essere il vento, un ramo che si sposta d'improvviso... certo a nessuno salta in mente di aggredire una vecchietta... eppoi chi? Il primo foresto che capitasse qui sarebbe segnalato come un fatto straordinario per mesi!"
Forse quei discorsi l'avevano impressionata più di quanto volesse ammettere, comunque il rumore non si era ripetuto.
Forse una faina...
Proseguì per il viottolo, rincuorata dai suoi ragionamenti.
Fatti pochi passi, dietro alla curva, la casa le si presentò a una trentina di metri, più illuminata dalla luna che dal lampione fioco, era una promessa di tepore nell'aria secca e già troppo fresca, da Autunno.
Senza avvedersene, la vedova Von Berger, nata Maria Dapueto, tirò un sospiro di sollievo, e fu in quel momento: si sentì artigliare la caviglia da qualcosa che le strappò un breve grido di terrore, facendola quasi cadere, mentre Cirri, il gatto malandrino della Teresina, le si strofinava tra i polpacci.
"Ah, sei tu! Brutto vigliacco! Mi hai fatto prendere uno spavento!..." Si chinò ad accarezzarlo.
Lì la raggiunse il primo colpo, alla base del cranio.
La vecchia signora cadde a terra, ruotando su se stessa, con le mani sulla testa subito piene di sangue e la faccia dolorosamente sbigottita; non ebbe la forza di aprir bocca, mentre già perdeva i sensi, annichilita dall'esplosione di totale sofferenza, e il bastone colpì di nuovo, sulla fronte, con un suono secco.
Poi la Marchesa non avrebbe più potuto contarli, i colpi.

Il mostro di Bargagli, un caso irrisolto che ha riempito le pagine di cronaca, fornisce lo spunto per un romanzo di fantasia. A Borgoglio, un paesino dell’entroterra genovese, a pochi chilometri dal mar Ligure, tra gli anni Settanta e Ottanta vengono compiuti dei delitti efferati che sembrano collegati alla Seconda Guerra Mondiale. Tocca al commissario Marcello Cattaneo dipanare la matassa. Lo aiuta Paolo, l’immancabile amico cronista. Il romanzo a tinte noir di Giovanni Barlocco ben si colloca nell’ormai consolidata tradizione del giallo ligure, che negli ultimi anni ha dimostrato maturità e consapevolezza, capacità di costruire trame intricate e di saperle svolgere fino alla fine, con tanto di colpi di scena. L’entroterra abitato soprattutto da anziani appare pieno di zone in ombra, con i suoi abitanti scontrosi che si chiudono a bozzolo. Diversi sono i giovani – Marcello, Paolo, Michela e Laura - che ormai fanno parte di un mondo globalizzato. Il romanzo si fa seguire anche per le descrizioni del paesaggio: l’incubo del mostro si stempera tra le rocce a picco che rosolano al sole, la verticalità dei dirupi, gli odori e gli umori del bosco, gli alberi di fico e i castagni, i tramonti e le albe sul mare.

 

Laura Guglielmi

Non ci sono commenti presenti.

Pubblica il tuo commento (minimo 5 - massimo 2.000 caratteri)

Qui devi inserire la tua Login!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password?

Qui devi inserire il tuo nickname!

Qui devi inserire la tua email!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password? Inserisci il tuo indirizzo email e riceverai i dati di accesso.

Qui devi inserire la tua email!

Ritorna alla login

Chiudi