Maldola Rigacci
ZANZIBAR SOTTO ORIONE

Vedi
Titolo ZANZIBAR SOTTO ORIONE
Autore Maldola Rigacci
Genere Poesia      
Dedicato a
Alle maree di Zanzibar e a tutti i miei amici.
Pubblicata il 30/01/2008
Visite 3932
Punteggio Lettori 109
Note Mi hanno detto che la donna concepisce la vita come una linea retta e non tende a ricreare il passato.
Nascono corvi
da un corpo di luna.
Medusa sospesa
d'un balzo
da acqua
a chiuso di notte
sull'anello di Dio

traspare.

Torno
Africa di spezie
ma come inodori
ma come passato
che mi canta
in legno scavato.
Non c'era un volto
prima che nascessi
solo questo prato
basso ai venti
d'Orione.

Quanto mare
a tingermi ventre
quanto mare
amico mio
e volerti ancora.
Suonano i tuoi passi
amico felice
m'hai detto fammi vivere
ho fame antica
d'amore
solo gorgo di madre.

Torno
Africa sontuosa di stracci
plastica azzurra nei campi
a far fame
cielo
parola graffiata
alla bocca di un muto.

E poi corvi
ma dal sole
amico mio
felice di passi
ad osarmi serena
ancora
chè la luce non è più
netto d'ascia.

Torno
Africa
sulla tua soglia
l'ora mia
è tutta innocente.



Non ci sono commenti presenti.

Pubblica il tuo commento (minimo 5 - massimo 2.000 caratteri)

Qui devi inserire la tua Login!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password?

Qui devi inserire il tuo nickname!

Qui devi inserire la tua email!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password? Inserisci il tuo indirizzo email e riceverai i dati di accesso.

Qui devi inserire la tua email!

Ritorna alla login

Chiudi