Maldola Rigacci
IL BUIO E IL CILIEGIO- I vecchi e la demenza senile

Vedi
Titolo IL BUIO E IL CILIEGIO- I vecchi e la demenza senile
Autore Maldola Rigacci
Genere Narrativa      
Pubblicata il 22/04/2008
Visite 4497
Punteggio Lettori 127
Una persona a me molto molto cara ha l´Alzheimer.Non conosco solo lei con questa tragica infermità. Moltissimi ne sono colpiti e pare i casi siano in aumento nella nostra società. Forse perchè invecchiamo di più...non sono medico e non voglio dire altro.Certo l´Alzheimer è una delle manifestazioni più gravi fra quelle che colpiscono i vecchi.
La vecchiaia, nonostante ci vogliano rappresentare una specie di età quasi d´oro, durante la quale si continua ad andare in crociere e a fare all´amore tre volte il giorno grazie a miscugli vari,è il nostro ultimo momento e, sempre che ci si arrivi,solitudine, malattie,indigenza, dipendenza dagli altri,scomparsa di molta parte del mondo conosciuto e amato sono di lei compagne.
La persona a me molto cara ora sembra non sia quasi più nessuno, intorno a lei gira un mondo, che pretende di darle voce,ma pochi possono dire qualcosa di lei,nessuno per lei.Marisa( così la chiamerò) è vedova da moltissimo tempo, Marisa ha quasi novanta anni, Marisa non ha avuto figli,Marisa ha una casa e non sta male economicamente.
Su Marisa c´è contesa di tutela.
Mi è molto cara, vorrei tentare di darle voce. Vorrei tentare di richiamare l´attenzione su quelli come lei, ma nel suo mondo non riesco ad entrare e sto diero la porta e ascolto bisbigli e fruscii.

OGGI,ORA DEL PRANZO.
La badante è stanca. Stare tutto il giorno con Marisa è terribile. Non parla più da mesi, qualche farfugliamento dopo un periodo di delirio di parole, frasi, che uscivano a cascata, sotto un incalzare stordente. Poi il silenzio.E´ il momento del pranzo.Marisa è sempre stata golosa. La badante si sente osservata mentre prepara. Marisa è come un cagnolino ,che segue il padrone con gli occhi adoranti, il padrone,che gli prepara la pappa.Il cagnolino riconosce bene quel momento, riconosce la mano, che lo tiene in vita e l´ama. Anche Marisa ha quello sguardo sulla badante Ma,lei non l´ama,domani avrà un altro lavoro.Ora è quieta Marisa. La fanno dormire molto.
Appena un momento prima è venuta una persona a trovare Marisa e lei ha quasi sempre una lucina allegra negli occhi, quando guarda qualcuno, che l´ha conosciuta bene, stringe le mani degli amici forte forte, come se non li volesse lasciare.Poi gira gli occhi lontano e scompare o segue i movimenti della badante, come per il cibo.
Ma oggi,poco prima di pranzo, ha detto: "Aiutatemi,aiutatemi". C´è stato un pò di sconcerto. La badante si è infastidita, stà a vedere che ora pensano che le abbia fatto qualcosa,stà a vedere che pensano che le abbia fatto mancare qualcosa.
"Ha questi momenti, così, ma non vogliono dire niente"-si è affrettata a dire la badante, sbattendo forte l´uovo nella tazza, porca miseria-" lei lo sa, ancora la sera entra in agitazione, vuole andare via,a Bagno a Ripoli, dai suoi genitori,questa le è rimasta di fissazione.Via, Marisa ora si mangia". Piano piano Marisa ha lasciato le mani del suo amico. ha guardato verso la porta.
Marisa è uscita per salire sul suo albero di ciliegie nei campi intorno a casa sua,quando era piccola, a Bagno a Ripoli.

IL BUIO E IL CILIEGIO

Sempre si arrampica sull´albero di ciliegie la ragazzina un pò ribelle,quando ha voglia di libertà o quando è stata rimproverata.La fanno sentire sempre così inferiore ai suoi fratelli tanto bravi! Allora corre per i campi e va su per il suo amato tronco. Fra il fogliame tiene d´occhio la sua casa su uno dei colli di Bagno a Ripoli e da là si intravede il Cupolone di Firenze.
La venivano a cercare,lei scappava lassù soprattutto perchè la cercassero!Allora si sente amata.
Ma da un pò di tempo c´è nebbia fitta intorno o un sole solitario che acceca o peggio, rumori di gente che passa,parla, si ferma e poi sparisce.Il babbo e la mamma non escono più dalla casa.Lei chiama,ma non sente le sue stesse parole.Allora si arrabbia, si arrabbia tanto. La rimproverano, perchè non fa bene le cose? Perchè non
ricorda? Ma lei ricorda, ricorda tutti i brani del suo amato latino, a scuola è piuttosto brava.
E´ passato un signore,proprio lì sotto,le ha detto guarda questa foto del tuo bel marito, ma cosa vuole quello, lei è solo una ragazzina,macchè marito. Ora mangia le ha detto ancora,e sì ha fame, ma perchè i suoi non escono dalla casa?
E´ buio, quante ore è rimasta sopra? Rumori, gente,poi buio ancora. Lei è brava, lei ricorda,ricorda. " Aiutatemi, aiutatemi ". Poi si quieta un pò.

Non ci sono commenti presenti.

Pubblica il tuo commento (minimo 5 - massimo 2.000 caratteri)

Qui devi inserire la tua Login!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password?

Qui devi inserire il tuo nickname!

Qui devi inserire la tua email!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password? Inserisci il tuo indirizzo email e riceverai i dati di accesso.

Qui devi inserire la tua email!

Ritorna alla login

Chiudi