M. Gisella Catuogno
Le rose profumano d´antico e di stupore

Vedi
Titolo Le rose profumano d´antico e di stupore
Autore M. Gisella Catuogno
Genere Poesia      
Dedicato a
maggio, nonostante
Pubblicata il 17/05/2008
Visite 3638
Scritta il 01/05/2008  
Punteggio Lettori 127


Nel fiordaliso che modesto spunta
tra il verde d’erba nuova e intenerisce,
ritrovo l’innocenza del cielo mattutino
che offre speranze e sogni accarezzati
a chi alza lo sguardo su di lui, dalla finestra
sorseggiando il primo caffè della giornata.
E nei papaveri che ammiccano spavaldi
dalle ripe e dai campi, in festa già da aprile
catturando gli occhi e l’emozione di chi passa,
leggo l’ardore degli amanti che brucia come
il sole, padrone dell’azzurro, a ferragosto.

Invece, le rose profumano d’antico e di stupore
tingono dei loro petali l’aurora e la memoria
dell’attesa del bello della vita, a quindici anni
quando i pensieri ronzano come api instancabili
e il cuore è miele che si scioglie al minimo tepore.

Eguagliano, le rose, se son bianche,
la soavità d’una cima immacolata
e il candore della neve appena scesa;

ma quelle d’un rosa carico,
frangiato d’arancione
e dall’aroma intenso, penetrante
distillano e declinano l’essenza dell’amore:

le sinfonie mirabili,
le vibrazioni lievi
le sfumature miti
la luce di cristallo

nella dolce mollezza del velluto
nelle punture aspre delle spine
nella bellezza fragile e composta
nell’illusione di breve eternità.

Non ci sono commenti presenti.

Pubblica il tuo commento (minimo 5 - massimo 2.000 caratteri)

Qui devi inserire la tua Login!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password?

Qui devi inserire il tuo nickname!

Qui devi inserire la tua email!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password? Inserisci il tuo indirizzo email e riceverai i dati di accesso.

Qui devi inserire la tua email!

Ritorna alla login

Chiudi