Alessandra Palombo
Quiete

Vedi
Titolo Quiete
Autore Alessandra Palombo
Genere Poesia      
Pubblicata il 27/08/2008
Visite 3589
Punteggio Lettori 80

Quiete



Domestica è la dimensione del paese

mio sovrano.

Suonano sulla pietra i passi frettolosi

tagliano l’acqua gelida le eliche

la sbarra del posteggio sale e scende

sotto a uccelli in volo

a riscaldarsi.

 


 




Più mi ritraggo

più allunga la sua mano

l'onda fredda

quasi a dirmi “sei sfiorita”.

Cambio posto. Che m’importa?

Anche se la primavera è tarda

e l’acqua è gelida

vivrò, come un pruno viola

su un dirupo.





*

A cinquant’anni

e tre

dalle giostre

in cui salivo

dai silenzi bui

in cui cadevo

serena

scivolo

su una quiete

mai sentita,

mi amo

e non rimpiango.

*

Passato in parte in mano ai figli

il timone dei traguardi,

quel che pareva

impensabile posseggo.

La luna e il sole sono sulla stessa linea.

Il bianco lo colorerò con calma.




*



Gareggiare coi giovani

- che corrono al mare

già ai primi di giugno - è un’utopia

poiché il sangue è esaurito e

un cantuccio di rena sulla battigia

un cantuccio di brezza sulle rughe

un cantuccio di speranza alla sera

solo un cantuccio

io chiedo

all’estate.



*



In questa parte

del mio pellegrinare

la rabbia scaturita

dalle sassaiole



flebile si smorza

tra i fiori che rallegrano

il mio procedere sbilenco,

e l’impeto è ricordo,



rammarico che sfuma.



*



C’è una quiete rosea

di bimba tra le gambe genitrici

tra le pareti incartate

in un cielo zuccherino.



I lutti sono stati seppelliti

il bastone abbandonato

le pulsazioni sono lente

le carezze sincere.



Sul tavolo all’ingresso

un cappello per la pioggia

da riporre in cantina.



*



Tenerezze antiche e

verbi mal declinati

in un giro di stanza

sull’acqua salata

che bolle in cucina

ora e qui evaporano

su occhi arrossati

per la lettura a ritroso.



*



Incisioni carnali

ri-guardarsi

in tomi stagionati

in un intrico oscuro

pure al narratore

che lo visse

che ora pulce punge

fuggendo indisturbata

tra straripamento

d’istanti dove

orologi e luoghi

giacciono, derelitti.



*



Ha un che d’infinito

la curva di sassi affilati

tra i ciottoli rossi.

A filo dell’acqua

tra la torre prigione

e le rovine romane,

soffia un perenne respiro

di mito e d’eterno

che annienta paure

sul mare

dal petrolio sporcato.







Consuntivo



I meno sono d’un rosso slavato

reggono i cardini i punti cardinali

i pezzi del mosaico si ricompongono.

L’inizio tra le sbarre non ricordo

emozioni ancestrali ha la memoria.

Il moto era impercettibile,

 le onde di riporto

la costa aveva anfratti scuri

i legni di sicuro erano di buona qualità.

 

Non ci sono commenti presenti.

Pubblica il tuo commento (minimo 5 - massimo 2.000 caratteri)

Qui devi inserire la tua Login!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password?

Qui devi inserire il tuo nickname!

Qui devi inserire la tua email!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password? Inserisci il tuo indirizzo email e riceverai i dati di accesso.

Qui devi inserire la tua email!

Ritorna alla login

Chiudi