Luigi Romolo Carrino
Certi ragazzi (io dico il sangue - bloody version)

Vedi
Titolo Certi ragazzi (io dico il sangue - bloody version)
Autore Luigi Romolo Carrino
Genere Poesia      
Dedicato a
g.
Pubblicata il 20/10/2008
Visite 3806
Punteggio Lettori 64
Io dissi il sangue che mi fugge
diceva a fiotti da sotto il costato,
Diventai una legge naturale,
il suono di una cosa piccola sulla Terra, diventai
il taglio stesso della bocca, mentre
Poi il giorno,
le mie ferite trascorsero sottovoce e
mi fecero un poco di me vivo,

Poi un giorno,
con un poco di bene
le mie ferite smisero di guarirmi il tempo,
tutta l’ora del tempo divenne una,
fino a fare di me una definitiva parte della Quiete,

Io dissi il sangue che posso,
l’avevo rappreso tutto, tutto quanto nella tua promessa
che non mi ha mantenuto.

Non ci sono commenti presenti.

Pubblica il tuo commento (minimo 5 - massimo 2.000 caratteri)

Qui devi inserire la tua Login!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password?

Qui devi inserire il tuo nickname!

Qui devi inserire la tua email!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password? Inserisci il tuo indirizzo email e riceverai i dati di accesso.

Qui devi inserire la tua email!

Ritorna alla login

Chiudi