Alessandra Palombo
Il vetro della porta

Vedi
Titolo Il vetro della porta
Autore Alessandra Palombo
Genere Poesia      
Pubblicata il 09/11/2008
Visite 3326
Punteggio Lettori 30
Il vetro della porta franò. Urlai e tastai le braccia. Ero sana
all’apparenza. Riunii le schegge.
Volevo quel vetro e l’immagine di me che rifletteva.
Chiamai il vetraio .Provammo a ricomporlo. Seguivo
le operazioni con speranza. Invano. La colla non faceva presa.
I pezzi ricadevano e frantumandosi provocavano piccole ferite
e filini di sangue in qua e là.
Le vene principali si salvarono,
ma nessun vetro mi avrebbe più rappresentata
Spensierata. Bastò questo a soffocare il volo libero:
Le gambe che non reggevano, la vista che s’annebbiava
e l'ombra fatua della morte che per metà successe.
Misi i viaggi nella valigia di pelle morbida
che strinsi con la cinghia e a capo chino
tornai alla casa-isola, sconfitta.
L’alleanza con il vetraio s’era frantumata come il primo vetro.

Non ci sono commenti presenti.

Pubblica il tuo commento (minimo 5 - massimo 2.000 caratteri)

Qui devi inserire la tua Login!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password?

Qui devi inserire il tuo nickname!

Qui devi inserire la tua email!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password? Inserisci il tuo indirizzo email e riceverai i dati di accesso.

Qui devi inserire la tua email!

Ritorna alla login

Chiudi