M. Gisella Catuogno
Marzo

Vedi
Titolo Marzo
Autore M. Gisella Catuogno
Genere Poesia      
Pubblicata il 19/03/2009
Visite 3647
Punteggio Lettori 80
Fragilità nel tepore di marzo
dei petali dell’albicocco in fiore
sospinti da chissà che furore di linfa
a ricamare di bianco rosato il legno stanco;
e nei campi e nei fossi la smania dell’erba
a riscattare di nuovo e di verde lo sterile inverno.

Inutile dirsi che nulla è diverso:
il giorno rincorre la notte
e il tempo ricama le rughe;
la risacca sonante racconta
naufragi di speranze migranti
[sciame di vespe ronzanti
che non trovano dove accasarsi]
e il cielo distante distratto
rimane alle preghiere
[mare nero terra amara]

Inutile dirsi che nulla è diverso:
marzo gocciola miele d’acacia
scioglie la brina testarda
schiude gemme ed attese
azzarda la vita, sebbene.



Non ci sono commenti presenti.

Pubblica il tuo commento (minimo 5 - massimo 2.000 caratteri)

Qui devi inserire la tua Login!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password?

Qui devi inserire il tuo nickname!

Qui devi inserire la tua email!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password? Inserisci il tuo indirizzo email e riceverai i dati di accesso.

Qui devi inserire la tua email!

Ritorna alla login

Chiudi