Luca Franzi
In buone mani

Vedi
Titolo In buone mani
A mia moglie, alle mie figlie.
Autore Luca Franzi
Genere Fotografia      
Pubblicata il 30/04/2009
Visite 11256
Editore Liberodiscrivere® edizioni
Collana Alogenuri  N.  7
ISBN ISBN: 978-88-7388-22
Pagine 96
Prezzo Libro 36,00 € PayPal

Il pensare si traduce in fare: le mani toccano, trasformano, costruiscono e comunicano. Amore, sesso, arte, professione, mestiere, dolcezza, violenza, tensione, calma, spiritualità si trasmettono anche con le nostre antenne tattili. Il gesto oratorio diventa spontaneo complemento al dire, o l’unica lingua per i non udenti. Personalità, stato sociale, lavoro, educazione, igiene, provenienza, età, salute di ciascuno di noi si possono leggere nei segni della pelle. Alcuni arrivano a predire il futuro interpretando le vie delle mani. La mano qualifica ciò che confeziona e rende unico ciò che il dio mercato vuole indistinguibile.
Luca Franzi fotografa, è la voce narrante di ciascuna immagine. Il libro, grazie a lui, diventa così un insieme di racconti che riconducono alle donne e agli uomini che li hanno vissuti.
Antonello Cassan

Guarda l'anteprima sfogliabile del libro

L’universo delle mani: mani simpatiche, delicate, gentili.
Mani, volitive, violente, rabbiose.
Mani che amano, soffrono, pregano.
Mani che giocano, lottano, sfidano.
Mani impaurite, insicure, tremanti.
Mani decise, energiche, sprezzanti.
Mani introverse, timide, titubanti.
Mani che parlano, aggrediscono, comandano.
Mani, inique, scontrose, striscianti.
Mani sicure, sincere, gioiose.
Mani luminose, ombrose, chiaroscurate.
Mani che abbracciano, ci accolgono, ci proteggono...
Il miracolo delle mani: che lavorano, plasmano, creano.
Mani d’artista: le mani dei cacciatori paleolitici che lasciano
la loro “firma” sulle pareti delle grotte preistoriche.
Le mani di Giotto che, dopo secoli di astrazione bizantina,
tornano a dialogare con noi rendendo vive e naturali le
figure dipinte.
Le mani di Leonardo che sono impresse nella pittura, segno
incancellabile della creatività dell’artista.
Le mani di Michelangelo che lottano furiosamente
con il marmo e liberandola forma dalla prigione della materia.
Le mani di Van Gogh che tormentano il colore nell’urlo
disperato della solitudine interiore.
Le mani di Rodin che pregano Dio o le mani di Picasso che
distruggono e ricreano, potenti come il demiurgo platonico.
Daniele Grosso Ferrando.

Il pensare si traduce in fare: le mani toccano, trasformano, costruiscono e comunicano. Amore, sesso, arte, professione, mestiere, dolcezza, violenza, tensione, calma, spiritualità si trasmettono anche con le nostre antenne tattili. Il gesto oratorio diventa spontaneo complemento al dire, o l’unica lingua per i non udenti. Personalità, stato sociale, lavoro, educazione, igiene, provenienza, età, salute di ciascuno di noi si possono leggere nei segni della pelle. Alcuni arrivano a predire il futuro interpretando le vie delle mani. La mano qualifica ciò che confeziona e rende unico ciò che il dio mercato vuole indistinguibile.
Luca Franzi fotografa, è la voce narrante di ciascuna immagine. Il libro, grazie a lui, diventa così un insieme di racconti che riconducono alle donne e agli uomini che li hanno vissuti.
Antonello Cassan

Non ci sono commenti presenti.

Pubblica il tuo commento (minimo 5 - massimo 500 caratteri)

Qui devi inserire la tua Login!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password?

Qui devi inserire il tuo nickname!

Qui devi inserire la tua email!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password? Inserisci il tuo indirizzo email e riceverai i dati di accesso.

Qui devi inserire la tua email!

Ritorna alla login

Chiudi