Alessandra Palombo
amor tenda domus

Vedi
Titolo amor tenda domus
Autore Alessandra Palombo
Genere Poesia      
Pubblicata il 05/08/2009
Visite 3058

 

Quando entrerai nel mio giardino oh amore mio?
T' accoglierò sotto l’albicocco,
t' indicherò le ortensie,
t' insegnerò i ranuncoli ,
il gelsomino bianco e quello giallo.
Sminuzzerò le foglie di limone,
il rosmarino e l' alloro
e tutte l’ erbe odorose
che il mio giardino offre
per ubriacarti coll’essenza
del nostro personalissimo profumo.

 

E scorre altrove la vita che volevo.
La colpa è del ronzio
d' un calabrone vagabondo
che coprì la nota giusta e lo sguardo
di quel volto esposto al vento – di quando
indossata la scamiciata a quadri
e il corpo non sudava per il caldo –
restò dentro un fotogramma
nel cassetto dei miei ieri.

 

Quanto sopra racconto, a discolparmi.

 

Riempie chi a novembre ancora
nutre di foglie pregne di luce
godere d'un lunedì luminoso
nella piazza
tra i tetti, lastricata d’antico,
che declina tonalità d’azzurro
ad incrinare certezze.

 

Per riposarmi dovrei tornar bambina.

 

Alle otto scendere già in spiaggia
a crogiolarmi al sole, aspettando
gli amici e l’ora del bagno.
La scena tuttavia
ha cambiato veste,
dalla scogliera sono
caduti i massi, e
gl'attori sono ombre,
le comparse si sono smarrite
Scelgo un altro luogo - l’angolo
del mio divano - guardo il soffitto
chiudo gli occhi e dormo.

 

Ci penseranno i nostri figli a risvegliarmi.

 

Non ci sono commenti presenti.

Pubblica il tuo commento (minimo 5 - massimo 2.000 caratteri)

Qui devi inserire la tua Login!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password?

Qui devi inserire il tuo nickname!

Qui devi inserire la tua email!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password? Inserisci il tuo indirizzo email e riceverai i dati di accesso.

Qui devi inserire la tua email!

Ritorna alla login

Chiudi