Maldola Rigacci
APRO IL VENTO

Vedi
Titolo APRO IL VENTO
Autore Maldola Rigacci
Genere Poesia      
Dedicato a
A Iole e Alberto e Vincenzo e Daniela e Vera e...
Pubblicata il 15/06/2010
Visite 3135
Scritta il 15/06/2010 20:21:22  

 

 

Sono

così

acqua stupefatta

d'essere povera materia

che le mani si espandono nell'impiglio

di un abisso

e le trottole s'ingarbugliano nelle ruote

degli orologi.

Apro il vento, allora, e gli amici

entrano dalla finestra di luce

sera

di gelsomino così breve a finire

mediterranea la sera

di onde piccole

lente in riga

quando si sfinisce il mare e ci vede

battigia sicura da appoggiare le labbra per la notte.

Entrano gli amici

gatti arcuati

a pelo ritto,

con voi

liscio le ore di stasera, linee di vita

stupefatta

da versare nel bicchiere.

Lasciate un sassolino

un altro

ancora

vicino al glicine che i giorni sono in punta

sulla gola lunga di sogni

insieme

ma nel bicchiere, amici,

il volto di me quasi delirio.

 

(...e le mani si espandono e le trottole s'ingarbugliano...)

 

Nostra l'ora di sciogliere barca

all'insenatura di donne

belle

di parole

belle

blu si piroetta notte ormai

sulle tele che siamo

anni

come colori per dire poesia

è dove tutto si può

nella casa chiara

partitura libera alle magie che ci facciamo.

Ditemi di arrivare di essere

che si attarda

questo gelsomino così breve

a finire.

Cli amici entrano

diranno

sono stata

 

così...

 

 

 

Non ci sono commenti presenti.

Pubblica il tuo commento (minimo 5 - massimo 2.000 caratteri)

Qui devi inserire la tua Login!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password?

Qui devi inserire il tuo nickname!

Qui devi inserire la tua email!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password? Inserisci il tuo indirizzo email e riceverai i dati di accesso.

Qui devi inserire la tua email!

Ritorna alla login

Chiudi