Maldola Rigacci
SALVE MARIA

Vedi
Titolo SALVE MARIA
Autore Maldola Rigacci
Genere Poesia      
Pubblicata il 22/12/2010
Visite 2829

Salve Maria, s'apre un mattino

tutto a distillare luce e

saranno notti in cui ritorna il sole

al suo punto d'oro ma

t'affaticherà l'ordito sogno

dei giorni a venire.

 

Disse l'Angelo nella penombra d'un pensiero.

 

Sorridi donna

benedetto il tuo ventre

evocatore di maree

arbusto d'acqua nuova.

Nutrirai figlio di nuvole

non più immote nei silenzi.

Hai germinato il nostro nome

sangue e sillabe ritrovate.

Sul balcone dunque

trapianta

donna

il dolore che si muta in dono.

 

Piccolo , hai mani di grano

e gesti di sogno temerario

per te ho venduta la notte

e al mio ventre

per sempre la incateno.

Ora

sopra stellefrescura

e sere di fantasticare, piccolo

nasci albe da infinite fenditure di cielo

e per te romperò il passo.

Piccolo, questo è il mio viaggio

verso un trono lontano

sarà dolore,

sarà luce,

sarà croce?

Sarà qualcosa che ci luccicherà addosso.

Non ci sono commenti presenti.

Pubblica il tuo commento (minimo 5 - massimo 2.000 caratteri)

Qui devi inserire la tua Login!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password?

Qui devi inserire il tuo nickname!

Qui devi inserire la tua email!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password? Inserisci il tuo indirizzo email e riceverai i dati di accesso.

Qui devi inserire la tua email!

Ritorna alla login

Chiudi