Ida Acerbo
Telefono

Vedi
Titolo Telefono
Autore Ida Acerbo
Genere Poesia      
Pubblicata il 20/08/2011
Visite 2387

Guardo la cornetta

del telefono sulla

scrivania e mi

chiedo perchè quel

 

piccolo oggetto dalla

tastiera ingiallita e  

logora susciti in me

miriade di emozioni.

 

E' un ponte lanciato

verso una persona

lontana, è speranza

di ascoltare voce mai

 

dimenticata, è

angoscia di vuoto

quando sento lo

squillo echeggiare

 

monotono in casa

deserta mentre

miriade di dubbi

dilaniano l'anima.

 

Dove sei? Telefono.

Ossessione fonte

di gioia e tristezza

paura di abbandono

 

desiderio di più intima

vicinanza che una voce

può solo evocare.

Al di là dello spazio

 

attendo trepidante

poi sento il suono

della tua presenza

e vorrei stringerti

 

fino a farti male

consapevole che

non è dato

credere nei miracoli.

 

Non sei vicino a me!

 

 

 

 

 

Non ci sono commenti presenti.

Pubblica il tuo commento (minimo 5 - massimo 2.000 caratteri)

Qui devi inserire la tua Login!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password?

Qui devi inserire il tuo nickname!

Qui devi inserire la tua email!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password? Inserisci il tuo indirizzo email e riceverai i dati di accesso.

Qui devi inserire la tua email!

Ritorna alla login

Chiudi