Nicolina Carnuccio
cunticehru(´u ciùcciu ´e na vota e ´u cavahru)

Vedi
Titolo cunticehru(´u ciùcciu ´e na vota e ´u cavahru)
Autore Nicolina Carnuccio
Genere Poesia - Dialettale      
Pubblicata il 14/09/2011
Visite 4539

a ccohr' 'e sula

nu ciùcciu e nnu cavahru

si cungualaru ahru buveri

nci dissa u cavahru ahru sumeri

arràsati sceccare'

prima viv'eu

ca sugnu megghiu 'e tìa

tu si' nnu ciùcciu

fatighi fatighi

e sparta

ti fai cozzuliiara,

è bberu

nci dissa u sumerehru

e' su' nnu ciucciu 

arrìcchja nu pocu ca ti cuntu:

'u patruni meu

è nnu zzinircu

mbeci m'abbisa u parìcchiu

oja ni fìcia a mmìa

u fatigu a jjornata

cu hr'aratu

e stasira epoi

a ihru

eppa u n'  'u carrìju ncohru

e 'a mugghiera m' 'a rahu

ca si tenìa cu nna manu

da cuda mia

simu chi bbenimu

da vucca 'e cahrìpparu

passamma do casinu cavaleri

e dde zzangàrassa

e mmò aj'u sàgghju

'sa petta 'e graneli

on ni fidu cchjù

dimmi com'aj'u fazzu,

arrìcchi'a mmìa

nci dissa u cavahru

mo chi ppìgghji sa petta

fa ca ti sdolicasti nu garruncehru

e a mmaritu e mmugghjera

arrozzulalli nterra,

gràzzii pe hru cunsigghju

nci dissa u ciucciarehru

ma

stacìa pensandu:

'u patruni meu

ni mina

tu ni dici c'hai u vivi prima

ca sini megghju

tra tìa ed ihru

on nc'è cchi scartara

on nci ffa nnenta va

dassamu jira.

 

 al tramonto un asino e un cavallo arrivarono nello stesso momento all'abbeveratoio.il cavallo disse all'asino:scostati,prima bevo io perchè valgo più di te,tu lavori lavori e in più ti lasci bastonare.è vero ,disse l'asino,ascolta che ti racconto:il mio padrone è avaro,invece di far venire in campagna l'aratro con i buoi ha fatto lavorare me tutto il giorno con l'aratro e stasera poi lui ho dovuto portarmelo sulla groppa e la moglie ho dovuto trascinarla perchè si teneva con una mano attaccata alla mia coda.stiamo venendo da lontano,siamo passati davanti alla villa del barone,siamo passati...e ora mi aspetta una salita ripida,non ne posso più,dimmi cosa devo fare.ascoltami,gli disse il cavallo,ora che prendi la salita fingi che ti sei slogata una caviglia e marito e moglie falli ruzzolare a terra.grazie per il consiglio,gli disse l'asinello ma stavo pensando:il mio padrone mi picchia ,tu mi dici che devi bere prima perchè vali più di me,tra te e lui non c'è che scegliere,non fa niente va ,lasciamo perdere. 

Non ci sono commenti presenti.

Pubblica il tuo commento (minimo 5 - massimo 2.000 caratteri)

Qui devi inserire la tua Login!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password?

Qui devi inserire il tuo nickname!

Qui devi inserire la tua email!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password? Inserisci il tuo indirizzo email e riceverai i dati di accesso.

Qui devi inserire la tua email!

Ritorna alla login

Chiudi