Maldola Rigacci
RG

Vedi
Titolo RG
Autore Maldola Rigacci
Genere Poesia      
Pubblicata il 30/10/2011
Visite 2331
Avevamo un patto
che morire non dovevi
nè assopito giungere
alla città quieta.
Ho stanchezza dei segni astrali
... quelli che parlano d'eternità,
quelli che spingono la barca
all'incaglio dei tronchi
che credevi gigli che credevo bianchi.
Avevamo un patto
di luna azzurra,
che saresti stato
lieve
di rose,
ma un fondo di mare
ha scagliato onde di sale
alle tue stagioni
e c'è una ronda che m'infrange sempre
su un pallido pianoro.
Io
non appartengo a chi non sa i fiumi,
quelli senza orti rossi,
ma come una vecchia madre
ho imparato a cantarti bimbo
le terre d'oro.
Avevamo un patto
che te ne andassi
con veglia e sonno
di mille e mille passi,
li ho contati ma per tornare
solo come albatros ebbro
a dirti del giorno,
a cullarti bimbo
il tuo ultimo stupore.

Non ci sono commenti presenti.

Pubblica il tuo commento (minimo 5 - massimo 2.000 caratteri)

Qui devi inserire la tua Login!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password?

Qui devi inserire il tuo nickname!

Qui devi inserire la tua email!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password? Inserisci il tuo indirizzo email e riceverai i dati di accesso.

Qui devi inserire la tua email!

Ritorna alla login

Chiudi