Paolo Gianluigi Cabella
GINNASTICA VERTEBRALE ANTALGICA

Titolo GINNASTICA VERTEBRALE ANTALGICA
Autore Paolo Gianluigi Cabella
Genere Medicina      
Pubblicata il 10/04/2012
Visite 7779
Editore Liberodiscrivere® edizioni
Collana Medico Scientifica  N.  7
ISBN 9788873883821
Pagine 122
Prezzo Libro 15,00 € PayPal

Avere mal di schiena o comunque un malessere più o meno diffuso nella porzione posteriore del corpo è diventata una specie di consuetudine, una cosa quasi inevitabile, si potrebbe dire addirittura “normale”.

Finiamo, in genere, per non farci più caso almeno fino a quando il dolore non si fa più intenso obbligandoci a rallentare il ritmo della nostra vita, o non ci costringe immobili a letto.

Ma tutto questo, ovviamente, non è normale.

Non vi è nulla che possa sostituirsi al movimento, per cui realizzare un programma di ginnastica mirato al mantenimento dell’efficienza della colonna vertebrale e delle grandi articolazioni, è da considerarsi oggi una vera e propria necessità, più che una sana abitudine.

 

INTRODUZIONE

La conquista della “stazione eretta”, cioè la possibilità di stare in posizione bipede e di deambulare rappresenta il primo carattere distintivo dell'evoluzione dell'uomo rispetto agli animali. 

Questa possibilità ci è concessa dalla particolare morfologia della colonna vertebrale e dalla sua capacità di rispondere efficacemente a funzioni particolari che svolge grazie a una struttura resistente e molto complessa e, proprio per questo, complessivamente abbastanza fragile

La colonna vertebrale garantisce l'equilibrio e la stabilità del corpo, sostiene il capo, gli arti superiori e l'intero tronco, protegge il midollo spinale, permette la mobilità e gli spostamenti del tronco, ammortizza le sollecitazioni ed i carichi grazie alla sua flessibilità, proteggendo la scatola cranica ed il suo prezioso contenuto, dona elasticità all'intera struttura corporea.

Ogni vertebra ha una struttura particolare e possiede caratteristiche proprie in funzione del distretto di appartenenza. Non è questa la sede per una approfondita esamina anatomica (per la quale si rimanda ad un testo specifico), mi preme solo porre l'attenzione su alcuni elementi dell'aspetto anatomo-funzionale della colonna, che ritengo sia indispensabile tener sempre ben presenti

  • il carico è sopportato e ammortizzato dal pilastro anteriore rappresentato dalla sovrapposizione dei corpi vertebrali separati e uniti dai dischi intervertebrali, grazie anche alla presenza delle curve fisiologiche;
  • il movimento è guidato ed inibito dalla conformazione del pilastro posteriore, composto dagli archi posteriori;
  • l'unitarietà e la compattezza della struttura è attuata attraverso una serie di legamenti robusti ed elastici al tempo stesso.

 

Le specificità contrapposte appena elencate ci permettono di comprendere la complessità della struttura e di immaginare la sua “fatica funzionale” nell'assolvere tutti i suoi compiti. E' indispensabile che questa considerazione guidi costantemente l'operatore inducendolo a una pratica paziente e guardinga nel formulare le proprie richieste di lavoro, convincendolo che è certamente meglio procedere a piccoli passi piuttosto che non procedere affatto.

 

La ginnastica vertebrale antalgica è una tecnica specifica per sedare il dolore vertebrale e cercare di normalizzare il rapporto muscolo-scheletrico rachideo, impostando il lavoro di rieducazione motoria che troverà naturale continuazione nella rieducazione posturale. 

La tecnica prevede tre ambiti di intervento:

  1. 1. Posture sedative, atte a rilasciare la muscolatura ipertonica determinata dalla sofferenza vertebrale e a lenire il quadro sintomatico.
  2. 2. Posture dinamiche di decompressione vertebrale, atta a intervenire sulla compressione intervertebrale determinata dalla ipertonicità muscolare, a seguito di lesioni di varia natura all'impianto vertebrale, legamentoso e muscolo-tendineo del rachide.
  3. 3. Stabilizzazione vertebrale, atta a ripristinare e mantenere rapporti congrui e sostenibili dell'intero impianto statico-dinamico del rachide.

 

Metodologicamente la tecnica, pur privilegiando e auspicando un rapporto univoco tra operatore e paziente, è proponibile con facilità anche a piccoli gruppi di lavoro, e si realizza attraverso esercizi semplici e facilmente memorizzabili, eseguibili a casa, senza la necessità di strumenti o attrezzi particolari.

 

Il trattamento caldamente raccomandato prevede sempre uno svolgimento completo del lavoro, strettamente ispirato a principi olistici, riguardante tutti i distretti vertebrali, qualsiasi sia la disfunzione e il grado di disturbo lamentato dal paziente.

 

I tempi di lavoro sono, come sempre nelle attività naturali, mal definibili, essendo legati a diversi fattori soggettivi, alla eventuale patologia in atto e alla effettiva esecuzione del lavoro domiciliare. In linea di massima si può prevedere un periodo di lavoro complessivo di tre mesi suddivisi in due periodi teorici e variabili, dedicati uno alla remissione della sintomatologia dolorosa e l'altro alla stabilizzazione posturale. È bene evidenziare che la variabile più influente è rappresentata dalla continuità del lavoro a casa, per cui dovrà essere opera primaria dell’operatore il convincimento e la presa di coscienza del paziente

 

Avere mal di schiena o comunque un malessere più o meno diffuso nella porzione posteriore del corpo è diventata una specie di consuetudine, una cosa quasi inevitabile, si potrebbe dire addirittura “normale”.

Finiamo, in genere, per non farci più caso almeno fino a quando il dolore non si fa più intenso obbligandoci a rallentare il ritmo della nostra vita, o non ci costringe immobili a letto.

Ma tutto questo, ovviamente, non è normale.

Non vi è nulla che possa sostituirsi al movimento, per cui realizzare un programma di ginnastica mirato al mantenimento dell’efficienza della colonna vertebrale e delle grandi articolazioni, è da considerarsi oggi una vera e propria necessità, più che una sana abitudine.

 

Non ci sono commenti presenti.

Pubblica il tuo commento (minimo 5 - massimo 2.000 caratteri)

Qui devi inserire la tua Login!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password?

Qui devi inserire il tuo nickname!

Qui devi inserire la tua email!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password? Inserisci il tuo indirizzo email e riceverai i dati di accesso.

Qui devi inserire la tua email!

Ritorna alla login

Chiudi