M. Gisella Catuogno
Anna Maria Curci legge M.G. Catuogno

Titolo Anna Maria Curci legge M.G. Catuogno
Autore M. Gisella Catuogno
Genere Saggistica      
Pubblicata il 11/07/2012
Visite 4072

  

STILLANO I GIORNI

Stillano i giorni il loro avaro miele/e lo mescolano all’amaro quotidiano/per tentarmi alla vita,/nonostante./E i nodi dell’ansia che arrochiscono/la voce e la baldanza/profumano di nardo tuttavia./Arpeggia lieve la mia malinconia/e le sue note si perdono nel vento/
non fa più male, ormai, è solo compagnia./Avvolgo alla mia rocca il filo del passato/[sguardi, sussurri e lame di parole/sorrisi, pianti e grumi di dolore/perle di gioia e grandine di rabbia]/e ne alimento il fuso del presente/pungendomi le dita, non di rado./Non ho un principe azzurro al mio risveglio/né fatine gentili a trepidare/ma guardo incantata i petali dell’alba/riempio d’acqua sorgiva le mie brocche/aspetto il sole, che sciolga questa brina.

 

STELLE FRANTE

Non mi nascondo la vanità del vivere/la sua fragilità di vetro di cristallo/la sua brevità di volo di farfalla/l’impronta lieve/appena sagomata/che resterà di noi/a chi toccherà/di vivere a sua volta/e penserà di nuovo/a quella vanità./Non un filo d’erba/un grappolo di glicine/un sospiro di vento/un tremolio di mare/nell’alba appena desta/cambieranno di forma/intensità colori incanto/. E in ogni luogo/la bramosia di vita/colmerà di verde/i fossi a primavera/feconderà nei nidi/le uova degli uccelli/fiorirà i grembi/d’attesa e di speranza./Perché la vita è questo/germogliare instancabile/e precario:/appena il tempo/di alzare gli occhi al cielo/e perdersi/nella luce/delle stelle frante. 

VIGILIA DI PRIMAVERA

Eppure l’aspettiamo, tutti gli anni/come l’approdo d’una promessa/vagheggiata nell’ombra fredda/delle stagioni morte;/come la gemma d’una speranza/di fede nella vita, tuttavia:/le piume d’un nido in attesa/sotto il tetto/il vento tiepido d’ Eostre/che rinasce/e semina di petali e di luce/le lande desolate dell’inverno/le uova fecondate degli uccelli/negli anfratti sicuri/d’una cavità d’albero/della concavità salata d’uno scoglio/le ripe che s’accendono di giallo/negli spettinati grappoli/dei fiori di ginestra/il mare già cosparso sui fondali/del baluginio biancastro/delle posidonie/il cielo più alto e meno vuoto/di voli e di schiamazzi/acrobata sospeso/tra verità e mistero. 

 

E GIà IL CIELO S'INFIAMMA DI TRAMONTO

E già il cielo s’infiamma di tramontoNon si crederebbe l’attrazione/del foglio bianco a vergarlo/di segni e di parole/che modellino/l’animo –informe-/come creta il vasaio;/a bloccare il tempo/in un presente infinito/che non ci fiorisca di rughe/la fronte e il pensiero/per raccontare le storie del mondo/e di quanti l’hanno solcato/o sfiorato appena/e lui forse/nemmeno se n’è accorto:/della nostra alba di petali rosa/di un mattino fugace ubriaco di sole/e della lunga dolorosa sera./Eri bambina un attimo fa/e già il cielo s’infiamma di tramonto.

 

 IL GIRASOLE

Mi ha regalato mia figlia un girasole:/è assetato di luce, come me./Ma a lui basta girare il capino/e offrire i petali alle carezze/dei raggi per star bene/sentirsi appagato/e al posto giusto/nell’ordine universale./Non ha incertezze:/le corolle sono gialle e salde/il pistillo scuro e vellutato./La notte si riposa/dopo aver bevuto/per tutto il giorno il sole/e forse sogna il fresco/l’ombra/il chiaroscuro. 

 

A PATRIZIA (Ad memoriam)

Quel che più mi manca/è il tuo sguardo lucido/sul mondo;/il tuo giudizio sicuro/su eventi o su persone/ispirato non da presunzione/ma da un’intelligenza/acuta/e libera/da ogni pregiudizio./Quel che più mi manca/è la tua calma paziente/quel non lasciarti/condizionare/da nulla/se non dal tuo pensiero;/la tua curiosità/del mondo e della vita;/quella tua accettazione/delle sfide/d’ogni natura fossero:/le mani alla tastiera/o a sfogliare/come quasi sempre/libri/o a tagliare e cucire/come una sarta vera./Quel che più mi manca/è quello che sapevi/e che porgevi/senza salire in cattedra/come solo i veri maestri/sanno fare;/e quel passo franco/d’eterna ragazza/cittadina;/quel tuo vestito giallo/splendido sull’abbronzatura./Quel che più mi manca/è vederti in bici/o a spasso con i bimbi;/le chiacchiere e le risate/per strada o sulla spiaggia/per qualche ora/in vacanza/dai problemi;/e quel tuo ciglio asciutto:/una lezione che io non ho imparato/ancora/come invece/da sempre/sapevi bene tu.

 

 

Ha la grazia innata dei movimenti e la precisione esperta  di termini e ritmi la poesia di Maria Gisella Catuogno. Tende con slancio autentico alla natura e ne conosce, tuttavia, la fragilità della “promessa vagheggiata” (Vigilia di primavera) e destinata a infrangersi, non senza aver prima danzato, incantando e incantandosi, al ritmo di un rondò.In questo senso, Stelle frante è rivelazione di una poetica, suo manifestarsi nella catena impeccabile di immagini-suoni: “Non un filo d’erba/un grappolo di glicine/un sospiro di vento/un tremolio di mare/nell’alba appena desta/cambieranno di forma/intensità colori incanto.” Non è mero idillio questa ‘necessaria’ continuità, è, piuttosto, la musica, potente perché non teme di apparire semplice e sommessa (Il girasole), della “legge mite”, che regola, ovvero, più precisamente, “compone” i rapporti tra mondo e esseri umani, quella legge teorizzata da Stifter nella Premessa ai suoi raccontiPietre colorate e citata più volte da Heidegger.La “legge mite” passa per una fase di rottura, di lacerazione, che nella lirica E già il cielo si infiamma di tramonto ha i tratti del contrasto cromatico, tra il bianco, autobiografico bagliore irresistibile del foglio da vergare “di segni e di parole/che modellino/ l’animo” e il rosso fiammante del cielo della sera,  al tramonto delle illusioni di “bloccare il tempo/in un presente infinito”.Che la nozione della “legge mite”, “dell’ordine universale” (Il girasole) non sia supina arrendevolezza, ma “intelligenza acuta/ e libera/ da ogni pregiudizio”, “calma paziente” che affianca la “curiosità”, la consapevole “accettazione delle sfide”, è chiarito dal ricordo insieme struggente e luminoso A Patrizia (ad memoriam): “Quel che più mi manca/è quello che sapevi/e che porgevi/senza salire in cattedra/come solo i veri maestri/sanno fare;/e quel passo franco/d’eterna ragazza/cittadina;/quel tuo vestito giallo/splendido sull’abbronzatura”.La cifra di Stillano i giorni, nell’alternanza, dominata con agilità e sicurezza,  di misure – al prevalente endecasillabo si intrecciano dodecasillabi e un settenario -  e di ritmi diversi, è la “quieta grandezza”, è la melodiosa semplicità, è l’armonia con la quale Maria Gisella Caatuogno tesse, non priva di sublime ironia, classico e fiabesco, donando a chi legge, a chi ascolta, il ritratto veritiero, familiare e originalissimo, di un sé incantato a guardare “i petali dell’alba”, a riempire “d’acqua sorgiva” le brocche, ad aspettare “il sole,che sciolga questa brina”.                                                                                                                  Anna Maria Curci/ Il giardino dei poeti

                                                                                          

 *Anna Maria CurciDi natali romani e ascendenze apulo-lucane, insegna tedesco presso un Istituto scolastico statale di Roma e all’Università degli Studi di Siena (sede di Arezzo).
La sua passione per l’universo plurilingue affonda le radici nell’infanzia trascorsa tra i suoni del dialetto di Ruvo di Puglia.
Autrice di testi per la didattica della lingua che insegna, scrive poesie in tedesco e in italiano dal 1994.

http://muttercourage.blog.espresso.repubblica.it

 

Non ci sono commenti presenti.

Pubblica il tuo commento (minimo 5 - massimo 2.000 caratteri)

Qui devi inserire la tua Login!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password?

Qui devi inserire il tuo nickname!

Qui devi inserire la tua email!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password? Inserisci il tuo indirizzo email e riceverai i dati di accesso.

Qui devi inserire la tua email!

Ritorna alla login

Chiudi