Ida Acerbo
inverno

Vedi
Titolo inverno
Autore Ida Acerbo
Genere Poesia      
Pubblicata il 15/02/2013
Visite 2133

 

L’erba umida

fiorisce di ricami

candidi nel gelo

 

di una notte senza

fine. L’inverno

trionfa con brividi

 

che rendono le

membra rigide e

fanno scivolare

 

sul viso lacrime

non piante e sepolte

nel silenzio del tempo.

 

Cammino in un viale

e guardo scheletri

di alberi, braccia

 

pronte a ghermire.

Ho freddo e paura

il cielo è coperto

 

da nuvole spesse

di un grigio che

non lascia spazio

 

a speranza di clima

più tenue. Miagolio.

Sussulto. Un gattino

 

nero mi guarda poi

fugge veloce negli

anfratti del viale

 

 

spaventato da estranea

presenza. Sorrido.

Vorrei prenderlo

 

sfidando le unghie

certamente affilate

dalle lotte per cibo e

 

rifugio. La fatica

per strappare giorni

alla vita non aiuta a

 

 crescere. Sono parole.

Vorrei ritrovare

quel piccolo animale

 

ne avrei fatto il compagno

della mia solitudine

il custode del silenzio

 

delle stanze vuote.

Ma il suo destino

è la macchia in

 

anelito di libertà.

Lo capisco a malincuore

proseguo il percorso.

 

 

 

 

 

 

  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Non ci sono commenti presenti.

Pubblica il tuo commento (minimo 5 - massimo 2.000 caratteri)

Qui devi inserire la tua Login!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password?

Qui devi inserire il tuo nickname!

Qui devi inserire la tua email!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password? Inserisci il tuo indirizzo email e riceverai i dati di accesso.

Qui devi inserire la tua email!

Ritorna alla login

Chiudi