Nicolina Carnuccio
´a janestra saputa(favoletta)

Vedi
Titolo ´a janestra saputa(favoletta)
Autore Nicolina Carnuccio
Genere Poesia - Dialettale      
Pubblicata il 12/06/2013
Visite 2656

seduta ahru braccuni

stamatina

'u sula ni cardìja

ma i canti e i culuri

'e chista primavera

penìjanu m'arrìvanu

ahru cora,

'na janestra chi rrisbrenda

mpacci a mmìa

sindadduna,

ni dìcia:

vidi accehri àrbari e hhiuri

comu ridimu

e ppuru nui

comu tìa

campamu campamu

e ppoi morimu,

janestra

saputa mia

allora dimmi

com'àju u fazzu

pe nno mu pensu

a qquant'è ppocu u tempu

e a ccomu sbola.

 

seduta al balcone stamattina,il sole mi riscalda ma i canti e i colori di questa primavera stentano ad arrivare al cuore.una ginestra che risplende di fronte a me se ne accorge,mi dice:vedi uccelli alberi e fiori come ridiamo e pure noi come te viviamo viviamo e poi moriamo.ginestra,saputa mia,allora dimmi come devo fare per non pensare a quanto è poco il tempo e a come vola. 

Non ci sono commenti presenti.

Pubblica il tuo commento (minimo 5 - massimo 2.000 caratteri)

Qui devi inserire la tua Login!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password?

Qui devi inserire il tuo nickname!

Qui devi inserire la tua email!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password? Inserisci il tuo indirizzo email e riceverai i dati di accesso.

Qui devi inserire la tua email!

Ritorna alla login

Chiudi