M. Gisella Catuogno
La quercia e il torrente

Titolo La quercia e il torrente
Autore M. Gisella Catuogno
Genere Poesia      
Pubblicata il 01/11/2013
Visite 2207

 

 


 

Lo stillare dei giorni

scava la roccia della mia esistenza

ma ciascun attimo che passa

non lo sento perso;

al contrario, mi sembra guadagnato.

Solo ora riesco a vedere

in prospettiva

quasi che gli occhiali del tempo

funzionassero meglio.

Mi sembra talvolta

d’essere una pianta

una vecchia quercia

provata dalle stagioni

e che quel torrente

che mi scorre accanto

allegro o fiacco

-dipende dalle piogge-

sia la vita che guardo

passare accanto a me

senza rimpianti.

In quell’acqua

tante volte

mi sono immersa

e rinfrancata

mentre la luce

mi trionfava intorno

e la giovinezza

pareva non finire.

Ma si sa, l’acqua è infida

e qualche volta

si rischia d’annegare.

Ora, sulla mia sponda

arriva qualche spruzzo

e l’umidità non manca

alle radici.

Mi protendo al sole

-ancora-

e guardo appagata

i frutti del mio ceppo.

 

MGC/1.11.2013

 

Non ci sono commenti presenti.

Pubblica il tuo commento (minimo 5 - massimo 2.000 caratteri)

Qui devi inserire la tua Login!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password?

Qui devi inserire il tuo nickname!

Qui devi inserire la tua email!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password? Inserisci il tuo indirizzo email e riceverai i dati di accesso.

Qui devi inserire la tua email!

Ritorna alla login

Chiudi