M. Gisella Catuogno
La foto di quel bambino

Vedi
Titolo La foto di quel bambino
Autore M. Gisella Catuogno
Genere Attualità cronaca      
Pubblicata il 03/09/2015
Visite 1332

La foto di quel bambino

 

L’immagine del bambino siriano morto, ritrovato riverso su una spiaggia turca ieri, dopo l’ennesimo naufragio nel Mediterraneo, con i suoi calzoncini blu, la maglietta rossa e le piccole scarpe, proprio come uno dei nostri bambini, ha la forza dirompente di un pugno nello stomaco, demolisce gli argini dell’indifferenza, abbatte l’insensibilità, ci costringe a riflettere sulle quotidiane tragedie che si consumano alle porte di casa nostra.

Perché quella creatura di due anni la identifichiamo con i nostri figli, con i nostri nipoti, e non possiamo guardarla a ciglio asciutto, se possediamo ancora una briciola di umanità.

Perché quel bambino, con i suoi genitori e un fratello, cercavano asilo fuggendo dall’inferno della Siria e i loro occhi chissà quanto orrore avevano già visto.

Perché un bambino rappresenta l’innocenza, la speranza, la proiezione nel futuro ed è un delitto negargliele, come aveva già fatto il Canada, respingendo la loro richiesta d’accoglienza.

Il Medio Oriente è in fiamme e assediato dal fanatismo dell’Isis, la Libia è terra di bande feroci, l’Eritrea è una dittatura, la Nigeria è ostaggio Boko Haram: la maggior parte dei profughi proviene da questi Paesi e la loro è una fuga dalla morte.

Finché questa drammatica congiuntura non conoscerà qualche barlume di pace, di stabilità regionale, di governo di quei martoriati territori –e a questo dovrà contribuire tutta la comunità internazionale senza perdere ulteriore tempo- la migrazione verso l’Europa continuerà.

E noi che faremo nel frattempo? Erigeremo muri come ha fatto l’Ungheria? Diremo di non poter accogliere neppure piccoli gruppi di persone? Cercheremo di barricarci nelle nostre comode case distogliendo lo sguardo dalle stragi degli innocenti?

Quella foto, nel dolore che ci instilla per quel corpicino riverso sulla spiaggia, che non conoscerà mai né l’asilo politico né l’asilo/scuola a cui i suoi teneri anni avrebbero avuto diritto, interroga le nostre coscienze e la nostra stessa civiltà.

MGC

  • Quella foto un bambino/ siano uccisi tutti i primogeniti, privati della vita essi saranno inespressa voglia di padri e noie di comandanti/…un bambino/ vita interrotta di madre, una vergine per un sacrificio e per una terra libera / …un bambino/ uno dei tanti per le voglie dei sazi e per la coscienza di un giusto/ ma un bambino è un bambino una mano tesa e un gioco inventato sulla cresta delle onde , un bambino è un’isola che offre approdo e granelli di zucchero a labbra salate e prive di parole di stupore. Quella foto, è invisibile suono di un’alba mai nata
    oltre i limiti2 (05/09/2015 19:29:28)

  • Grazie, Raimondo:-)
    M. Gisella Catuogno (25/01/2016 21:06:10)

Pubblica il tuo commento (minimo 5 - massimo 2.000 caratteri)

Qui devi inserire la tua Login!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password?

Qui devi inserire il tuo nickname!

Qui devi inserire la tua email!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password? Inserisci il tuo indirizzo email e riceverai i dati di accesso.

Qui devi inserire la tua email!

Ritorna alla login

Chiudi