Nicolina Carnuccio
eu volarìa u ti dicu

Vedi
Titolo eu volarìa u ti dicu
Autore Nicolina Carnuccio
Genere Poesia - Dialettale      
Pubblicata il 29/09/2015
Visite 1397

eu volarìa u ti dicu

ricògghjami Signuri

ma nu penseri ni tartena:

s'averu, comu dinnu,

nte l'attru mundu

n'aspetta 'u purgatòriu

o  'u mpernu,

è ssempa pena,

allora

dàssami nte  'sta vita

com 'est esta

e ccomu vena vena.

 

io vorrei dirti raccoglimi Signore ma un pensiero mi trattiene:se davvero,come dicono,nell'altro mondo ci aspetta il purgatorio o l'inferno,è sempre pena. allora lasciami in questa vita come è è  e come viene viene.

  • le parole spesso sono come biscotti sbriciolati, ci ricordano la fragilità che portano con se , minuscoli frammenti di una vita intera "cosi", "come viene" , dolce per le nostre briciole dolci...è quanto basta! Adoro le tue parole che sanno di "isola"!
    Voto attribuito: 10
    oltre i limiti2 (04/10/2015 16:29:32)

  • Il paradiso lo hai escluso? Piacevole, ironica e il dialetto suona al mio orecchio dolce e familiare.
    Francescat (14/10/2015 18:19:15)

  • ciao Raimondo,ciao Francescat.e grazie
    Nicolina Carnuccio (23/10/2015 16:14:29)

  • Nicolina, ma dove vai?Un abbraccio grande, grande.
    Vera Bianchini (25/10/2015 18:04:08)

  • o Vera,non vado da nessuna parte,ti abbraccio con affetto anch´io.
    Nicolina Carnuccio (27/10/2015 09:55:27)

Pubblica il tuo commento (minimo 5 - massimo 2.000 caratteri)

Qui devi inserire la tua Login!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password?

Qui devi inserire il tuo nickname!

Qui devi inserire la tua email!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password? Inserisci il tuo indirizzo email e riceverai i dati di accesso.

Qui devi inserire la tua email!

Ritorna alla login

Chiudi