Nicolina Carnuccio
eu on era cu ttìa

Vedi
Titolo eu on era cu ttìa
Autore Nicolina Carnuccio
Genere Poesia - Dialettale      
Pubblicata il 13/02/2016
Visite 1577

on ni pìgghja sonnu

e ttu ni veni davanti

e nni cunti

ca ncunu ti dissa

ch' hai novant' anni

e qquantu voi u campi,

eu vìju 'a pena nte l'occhji toi

e   'u cora si fàcia piccirihru,

eu on era cu ttìa quandu partisti

pemm'u ti tegnu i manu nte mei

pemm' u ti fazzu u senti  'u bbena

e ttu parduna. 

anno 2004

non riesco ad addormentarmi e tu mi vieni davanti e mi racconti che qualcuno ti ha detto che hai 90 anni e quanto vuoi campare.io vedo la pena nei tuoi occhi e il mio cuore si fa piccolo piccolo.io non ero con te quando sei partita, per tenerti le mani nelle mie,per farti sentire il mio amore,e tu perdona.

  • Isola [io] e isola [Sicilia]/ u munti cù munti non vugghi* mai/ comu a pignatta vaddata/ e accussi pensa:/ acqua, cunsigghiu e sali a cu n`addumanna / `n ci nni dari./ Solu u sceccu comu/ u vemmu** dici a petra/ dammi tempu chi ti pecciu***/ … io come cane fiuto l’aria che da est/ porta / solo e sole / che in approdi di isola aspetta/ e nel passaggio cerco/ u munti chi vugghi **** / e comu marinaru masticu sciroccu chiaru e tramuntana scura / [per fugare del mare la paura]/ * vugghi: letteralmente “bolle” qui proposto in senso figurato nel significato /“non si move”/ ** vemmu: verme/ *** pecciu: buco/ **** vugghi. Qui invece “u monti chi vugghi” inteso come “vulcano”/
    oltre i limiti2 (13/02/2016 16:14:27)

Pubblica il tuo commento (minimo 5 - massimo 2.000 caratteri)

Qui devi inserire la tua Login!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password?

Qui devi inserire il tuo nickname!

Qui devi inserire la tua email!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password? Inserisci il tuo indirizzo email e riceverai i dati di accesso.

Qui devi inserire la tua email!

Ritorna alla login

Chiudi