M. Gisella Catuogno
Le affinità elettive di JW Goethe

Titolo Le affinità elettive di JW Goethe
Autore M. Gisella Catuogno
Genere Saggistica      
Pubblicata il 12/03/2016
Visite 1157

Goethe scrive il romanzo nel 1809, quando il Romanticismo, almeno in Germania, già intride di sé le principali manifestazioni artistiche e letterarie.

Del resto era dal 1771 che lui guidava a Francoforte il movimento dello Sturm und Drang, che, all’Illuminismo in crisi, sostituisce valori preromantici: un’acuta sensibilità, l’esaltazione dei sentimenti, dell’individuo, del genio creativo e ribelle che osa sfidare il destino, del vitalismo, della natura come fonte del bello e del sublime, ma anche l’attrazione per le tematiche mortuarie e cimiteriali.

Del resto, eros e thanatos saranno le tematiche più gettonate del movimento che si va delineando come dominante per tutta la prima metà dell’800.

In tale temperie di sollecitazioni culturali ma anche personali – tra le quali il matrimonio, tre anni prima della stesura del romanzo, dopo il non corrisposto amore per Charlotte, già fidanzata, molti anni addietro, e gli studi delle scienze naturali − G. affronta  il tema dell’incontro/scontro tra l’istituzione sociale per eccellenza, il matrimonio, anche liberamente scelto, e le singole personalità individuali, che, malgrado la buona volontà dei contraenti, e un’attrazione iniziale apparentemente foriera di intesa e felicità future, non riescono ad amalgamarsi, proprio come succede ad acidi e alcali. Ma il rapporto tra Charlotte e Eduard si sarebbe forse consolidato nel tempo, senza mai giungere ad un amore travolgente, comunque, se non fossero intervenuti, due elementi destabilizzanti: il primo è il capitano, sulla cui ospitalità fortemente insiste Eduard, malgrado lo spontaneo parere negativo della moglie, che, con sensibilità tutta femminile, ipotizza la possibile rottura dell’equilibrio fra i due sposi; la seconda è Ottilie, nipote orfana di Charlotte, nel fulgore della sua giovinezza e bellezza.

Il fuoco delle “affinità elettive” ossia della sintonia, dell’armonia, della complementarità tra personalità differenti, divampa così tra Eduard e Ottilie da una parte e Charlotte e il capitano dall’altra.

Ma mentre, con molto pragmatismo, quest’ultima sembra rinunciare al richiamo della passione, anche perché incinta del marito – ma il concepimento è avvenuto in circostanze straordinarie in cui entrambi gli sposi desideravano i rispettivi innamorati −; Eduard, allontanatosi dal castello, prima di sapere della gravidanza della moglie, continua, anche dopo, a nutrire di speranze, sogni e progetti, il suo incontenibile amore per Ottilie.

Fino alle tragedie che travolgono i destini dei protagonisti: l’annegamento del bimbo, affidato alla ragazza e la morte dell’infelice coppia, di Ottilie, dilaniata dai sensi di colpa, per consunzione, e di  Eduard per la perdita di lei.

Forse Charlotte, da vedova, e quindi da una posizione “legittima”, si unirà al suo capitano, non più costretta, dal rispetto della tradizione, del “dovere”, del “ruolo”, a rinunciare al vero amore.

Dunque, un romanzo denso di sentimenti forti e contrastanti, di scelte in bilico tra l’essere e l’apparire, tra la convenzione sociale e l’autenticità, tra la razionalità ed l’emozione, scritto da un Goethe ormai cinquantenne, quindi pienamente maturo e consapevole. Un romanzo che, malgrado i suoi due secoli e passa di vita, ancora ci sollecita e interroga, quasi ci sfida,  incantandoci con la descrizione dei paesaggi e di un milieu sociale e culturale privilegiato, colto ed elegante.

 

 

 

 

Non ci sono commenti presenti.

Pubblica il tuo commento (minimo 5 - massimo 2.000 caratteri)

Qui devi inserire la tua Login!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password?

Qui devi inserire il tuo nickname!

Qui devi inserire la tua email!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password? Inserisci il tuo indirizzo email e riceverai i dati di accesso.

Qui devi inserire la tua email!

Ritorna alla login

Chiudi