Nicolina Carnuccio
lìttara ahru Pataternu

Vedi
Titolo lìttara ahru Pataternu
Autore Nicolina Carnuccio
Genere Poesia - Dialettale      
Pubblicata il 18/03/2016
Visite 1758

Cristu Signuri,

doppu milla e mmill'anni

nte  'stu mundu

on cangiàu nenta,

l'òmani fannu guerri

comu fìciaru sempa

e nte guerri ammazzanu puru zzitehri

e mmò pe' ssup' 'e cchjùi

mbentaru nu mara 'e zaharehri

vai fai talefonini smartfoni

ripetitori e cchjavicehri

nsini fini

e ppe' ttutti s'aggeggi

nda càdanu malati

randa e ppiccirihri

e ttanti e ttanti

on sannu duva u vannu

u s'àmbùccianu

pe' nno mu sèntanu l'undi.

Signuri,

'u mundu è ttantu bellu !

tantu bellu

ch'eu nte stu mundu

volarìa u campu 'n eternu !

ma tu

fa' corcosa,

fermali l'òmani

stannu mpestandu l'aria

e 'u mundu  'u stannu rovinandu,

sulu tu 'i potarissi fermara

ma on nc'è spiranza,

ni para a mmìa

ca tu 'e stu mundu

on nda voi chi ssapira.

 

 

"lìttara ahru Pataternu"

Cristo Signore,

dopo mille e mille anni in questo mondo non è cambiato niente,gli uomini fanno guerre come hanno sempre fatto e nelle guerre uccidono pure bambini,ora per di più hanno inventato un mare di oggetti non necessari, wi fi telefonini ripetitori chiavette senza fine e per tutti codesti aggeggi ne cadono ammalati grandi e bambini e tanti e tanti non sanno dove andare a nasconersi per non sentire le onde.Signore,il mondo è tanto bello ! tanto bello che io in questo mondo vorrei vivere in eterno ! ma tu fa' qualcosa,fermali gli uomini,stanno appestando l'aria e il mondo lo stanno rovinando,solo tu li potresti fermare ma non c'è speranza,a me sembra che tu di questo mondo non ne vuoi che sapere. 

  • Quanto sei saggia, Nicolina! Se gli uomini dessero ascolto alle tue parole, la Terra sarebbe veramente un paradiso. Ma tu non disperare e nonostante la follia dei malvagi che si accanisce contro i piccoli e gli indifesi, continua a sperare contro ogni speranza.Un abbraccio e un augurio di Buona Pasqua.
    Voto attribuito: 5
    Pellegrina (20/03/2016 07:30:59)

  • se credessi questa potrebbe essere la più grande delle eresie - ferma l’uomo o signore- / se non credessi questa sarebbe la più grande delle bestemmie, ma avendo rinunciato agli assoluti, e il credere è uno di questi, nella tenera e allo stesso tempo graffiante musica della parola, è la più grande dichiarazione di resa di se stessi: ognuno di noi ogni giorno rinuncia a una parte di se.
    oltre i limiti2 (20/03/2016 08:22:44)

Pubblica il tuo commento (minimo 5 - massimo 2.000 caratteri)

Qui devi inserire la tua Login!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password?

Qui devi inserire il tuo nickname!

Qui devi inserire la tua email!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password? Inserisci il tuo indirizzo email e riceverai i dati di accesso.

Qui devi inserire la tua email!

Ritorna alla login

Chiudi