Nicolina Carnuccio
affacciata ahru braccuni

Vedi
Titolo affacciata ahru braccuni
Autore Nicolina Carnuccio
Genere Poesia - Dialettale      
Pubblicata il 16/05/2016
Visite 1969

affacciata ahru braccuni

mberu mara

guardu ammagata

'u sula chi spùngia,

ni votu 'e l' attra vanda

e bbìju

du' strisciuni longhi

pe' qquant'est 'u  celu,

pàranu nègghja 

ma nègghja on sugnu,

ni dìssaru

ca l'òmani 'i fannu

ed eu Signuri

n' 'a pìgghju cu ttìa:

'u mundu 'u facisti tantu bellu

e ll' omu?

nu pocu pocu

menu carognuni

'u potivi fara

secund' a mmìa.

 

affacciata al balcone verso il mare guardo incantata il sole che spunta,mi giro dall'altra parte e vedo due striscioni lunghi per quanto è il cielo,sembrano nebbia ma nebbia non sono,mi hanno detto che gli uomini li fanno e io Signore me la prendo con te: il mondo l'hai fatto tanto bello e l'uomo? un poco poco meno carognone avresti potuto farlo,secondo me.

  • “Guardu ammagata /u sula che spungia”. Molto bello questo senso di immensità che il mare ti suggerisce. Sono rimasta incantata dai tuoi versi così immediati e pittorici. ciao Nicolina.
    Pellegrina (22/05/2016 19:39:59)

Pubblica il tuo commento (minimo 5 - massimo 2.000 caratteri)

Qui devi inserire la tua Login!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password?

Qui devi inserire il tuo nickname!

Qui devi inserire la tua email!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password? Inserisci il tuo indirizzo email e riceverai i dati di accesso.

Qui devi inserire la tua email!

Ritorna alla login

Chiudi