Marco Moretti
Dietro le sbarre

Vedi
Titolo Dietro le sbarre
Autore Marco Moretti
Genere Narrativa - Fantascienza      
Pubblicata il 22/10/2016
Visite 806

Fa caldo, troppo. Di nuovo una lunga estate: la odio.

Darei tutto quello che ho per un gelato: una coppa mista alla frutta. Mi scolerei anche una bibita ghiacciata. Poi ci starebbe bene un tuffo in piscina e un massaggio, fatto da una pupa da urlo.

Purtroppo non ho merci di scambio, quindi mi devo accontentare delle leccornie che mi passano qui al grand hotel; alta cucina con ingredienti di prim’ordine e servizio in camera.

Un'altra giornata nel mio lussuoso appartamento numero 135: sei metri quadrati, con servizi e vista parziale del cielo. Bisogna che protesti con la direzione e mi faccia spostare.

Cinque stelle all-inclusive, camera con vista, pay-tv e belle ragazze: questa era la vita a cui ero abituato. Con il mio lavoro tiravo su parecchia grana; certo correvamo qualche rischio, io e gli amici, ma si sa, chi non risica non rosica. Quindi andava bene così.

Qualche rischio e forse anche qualcosa di più. Ma cazzo, era una nostra scelta. Ci andava bene così; tre soci e nessun padrone. Le nostre merci andavano forte e rendevano bene; inoltre ci muovevamo su itinerari poco battuti. Neanche i poliziotti incrociavano le nostre rotte, la concorrenza operava in settori diversi e c’era un tacito accordo per non pestarsi i piedi a vicenda.

Fino alla volta in cui toccò a John e Frank: i miei compari di una vita di corse e di bevute. Per non parlare delle puttane che ci scambiavamo nelle bettole vicino ai porti; non c’era un capo tra noi, ci bastava un cenno d’intesa e una strizzatina d’occhio. Ci capivamo al volo e così ce la sfangavamo sempre; anche quando la polizia o i doganieri facevano irruzione nelle taverne. Pagavamo bene e nessun oste o barman ci hai mai impedito di scappare dall’uscita di servizio; non era necessario minacciarli, lasciavamo dei regali per loro o le mogli. Così potevamo scolarci il meglio e avevamo le ragazze più calde.

Fino a quella maledetta sera, o era mattino? Non so, le giornate sono monotone quando porti un carico e le ore non passano mai; spesso ascoltavo musica, mentre John e Frank dormivano nella stiva. Heavy metal: direte che è fuori moda, ma aveva il potere di rilassarmi, di tenermi concentrato sul percorso.

Qui non me lo permettono: dicono che disturba i vicini e li innervosisce. Il personale dell’ hotel è scorbutico,  quasi non esisto e, se insisto, mi tolgono anche la tv.

 - Non c’è segnale,  - dicono  - colpa del tempo.
 -  Ma se c’è un sole che cuoce il cervello.
 -  Appunto, troppo caldo.
 -  Infatti ho sete, mi dareste una bottiglia di minerale?
  - Vuoi scherzare amico? Leggi qualcosa e sta’ zitto.

La mia conversazione standard con il personale di servizio; una scusa per sentirmi meno solo nella mia suite 135.

Comunque, che fosse sera o mattino, le cose non cambiano: i miei amici uscirono e furono subito bloccati dai nostri inseguitori con  le armi spianate.

 - Io non mi lascio prendere da quei bastardi – disse John.
 - Non fare cazzate; – rispose Frank – sempre meglio che rimetterci la pelle.

Io guidavo e vi assicuro che andavo alla grande: in quel periodo ero il migliore,  conoscevo tutte le rotte alternative e le scorciatoie. Vi dico che nessuno riusciva a starmi dietro, almeno fino a quella maldetta volta.

Le giornate qui sono lunghe e noiose; il tempo non passa mai. Almeno avessi una donna: mi hanno detto che in posti come questo qualcuno le può tenere. Qui nemmeno quello, solo sbobba a pranzo e cena, tv con programmi da suicidio e niente altro. Noia infinita. Solo qualche ora all’aperto; per fortuna è arrivata la bella stagione, senza le maledette piogge acide. Ma c’è questo sole, enorme, caldo. Mi sciolgo nel sudore, ci annego quasi, mentre sogno bagni al mare e in piscina.

Intanto il cervello gira, gira, gira. E tornano le immagini.

 - Oggi abbiamo un bel carico, vero ragazzi ?– dissi mentre guidavo, quella sera.
 - Ce la spasseremo alla grande - annuì Frank.
  - Alla grande - fece eco John.

L’allegria fu spazzata via, come una foglia in una bufera, dal primo colpo: raggiunse il fianco sinistro della nave, facendoci cadere dai sedili Il secondo ci colpì nella torretta, posteriormente, e ci mando in frantumi il radar.

 - Cazzo! Adesso la polizia spara senza preavviso – gridai.
 -  Non sono loro; dacci dentro, non devono fermarci.! – John era terrorizzato.

Ce la misi tutta, usando trucchi e manovre diversive, ma avevano un mezzo più efficiente e molto recente. Quei bastardi riescono sempre ad avere il meglio; ci raggiunsero e speronarono, poi ci intimarono di fermare. Gli amici uscirono sul ponte, armi in pugno; io, rimasto incastrato tra il sedile e la plancia di comando, potei solo guardare la scena; la rivivo ogni giorno, fotogramma dopo fotogramma. Sei di quei grossi bastardi saltarono dai loro veicoli nuovi sulla nostra nave, impugnando armi pesanti. Non avevo mai visto così: grosse, nuove e con l’aria di essere parecchio potenti.

John alzò il suo fucile.  Frank gridò. I bastardi spararono tutti insieme. Io svenni.

Mi sono risvegliato in questa cella, non so dirvi se dopo un’ora o dopo un giorno. Due metri per tre, con una finestra di cinquanta centimetri, pareti dipinte di rosso: si avete capito bene, non un bel giallo chiaro o un verde riposante. No, rosso sangue, come quello dei miei amici che quei bestioni hanno crivellato di colpi, riducendoli in polvere.

 E’ così ogni mattina, da dieci anni; poi l’incubo prosegue a occhi aperti. Tutto il giorno, tutti i giorni,  tutta la vita che mi resta. Almeno avessi una donna.

 -  Apri il cancello: vado a prendere quello della 135 e lo porto fuori. E’ quasi l’orario d’ingresso; oggi è festa e ci saranno parecchi visitatori. – Il guardiano è stanco; duecento chili di peso e peli lunghi trenta centimetri non sono il massimo quando fa caldo.
  - Che stress vero? Con le belle giornate tornano tutti: confusione e bambini che gridano. –  dice il collega, mentre sblocca il cancello col telecomando laser.
   - Che vuoi farci,  mi hanno stufato, specie gli uomini: soffrono a stare dietro le sbarre e diventano apatici. Spiacente per loro, ma il mio è solo lavoro; non posso farci nulla se sono loro l’attrazione più richiesta dello zoo galattico qui su Aldebaran.

 

Non ci sono commenti presenti.

Pubblica il tuo commento (minimo 5 - massimo 2.000 caratteri)

Qui devi inserire la tua Login!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password?

Qui devi inserire il tuo nickname!

Qui devi inserire la tua email!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password? Inserisci il tuo indirizzo email e riceverai i dati di accesso.

Qui devi inserire la tua email!

Ritorna alla login

Chiudi