Maldola Rigacci
DONNA DI VENTRE E SALE

Vedi
Titolo DONNA DI VENTRE E SALE
Autore Maldola Rigacci
Genere Poesia      
Pubblicata il 07/01/2018
Visite 564

Sono sempre
dove mi scagliò il mare.
Spiaggia di un marzo di neve e sole.
Sono dove mi muovono i pleniluni
con un'argentea morte
nel volo arcuato di questo corpo
di colibrì e fuoco e bianca sorte.
Goccia a goccia
a versare onda nella tua bocca
per baciare parola 
e confonderti di me sola.
Dove poso madre bambina amante
questa mia fronte di febbre fuggente.

Si apre di solo desiderio
quasi ascolto
quasi attesa
quasi promessa
questo mio giardino 
acqua viva e profonda
che brucia ogni notte e ombra.

E sarò domani
città tanto antica
con il tempo e le barche alla deriva
e sarò domani
città d'archi e cupole
dove abita l'odore del mare.
E sempre

Donna di ventre e sale.
 

 

Non ci sono commenti presenti.

Pubblica il tuo commento (minimo 5 - massimo 2.000 caratteri)

Qui devi inserire la tua Login!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password?

Qui devi inserire il tuo nickname!

Qui devi inserire la tua email!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password? Inserisci il tuo indirizzo email e riceverai i dati di accesso.

Qui devi inserire la tua email!

Ritorna alla login

Chiudi