M. Gisella Catuogno
Un pensiero per Eszter

Vedi
Titolo Un pensiero per Eszter
Autore M. Gisella Catuogno
Genere Parole in Libertà      
Pubblicata il 23/06/2018
Visite 102

Ho finito stamani di leggere L’eredità di Eszter, completando così la trilogia di S. Marai sull’analisi del sentimento amoroso. Bello, anche se non quanto Le braci e La recita di Bolzano, e infinitamente triste: per la scelta della protagonista di abdicare ancora una volta al volere del suo antico amore, autentico mascalzone che nella vita ha sempre approfittato di tutti, con una leggerezza che si traduce in colpevole incoscienza; per la rassegnata passività con cui viene accettata l’ennesima sfida del destino; per la triste sorte che l’aspetta, “vecchia” - come si sente lei ma ha poco più di quarant’anni – e malata, senza la sua casa con giardino e la compagnia della fedele Nunu ( che ricorda, anche nel nome, la Nina delle Braci). Ho l’impressione che anche qui, come altrove, la vita sia subìta, più che vissuta, e che i grandi sentimenti, per la loro forza implacabile, sottraggano, piuttosto che aggiungere. Magistrale è comunque l’abilità di Marai nell’analisi dell’interiorità dei personaggi, con quell’entrare fin nelle pieghe dell’animo umano cercando di decifrarle - e comprenderle, se possibile-. E poi c’è il linguaggio: una prosa lirica che avvolge e incanta, dalla prima all’ultima riga.

 

 

 

Non ci sono commenti presenti.

Pubblica il tuo commento (minimo 5 - massimo 2.000 caratteri)

Qui devi inserire la tua Login!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password?

Qui devi inserire il tuo nickname!

Qui devi inserire la tua email!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password? Inserisci il tuo indirizzo email e riceverai i dati di accesso.

Qui devi inserire la tua email!

Ritorna alla login

Chiudi