Nicola Ricciardi
Petali di Poesia

Titolo Petali di Poesia
Autore Nicola Ricciardi
Genere Poesia      
Pubblicata il 26/04/2019
Visite 302
Editore Liberodiscrivere® edizioni
Collana Spazioautori  N.  3737
ISBN 9788893391559
Pagine 84
Prezzo Libro 9,00 € PayPal
Un mistero infinito,
un velo invisibile,
che ti avvolge l’anima.
 
Come faccio a regalarti il mondo,
se sono un semplice
essere umano?
Come faccio a illuminarti le giornate,
se non sono il Sole?
Come t’improfumo la vita,
se non sono un fiore?
So solo che se potessi,
ti regalerei l’Universo.
 
 
A te, che sei tutti i colori del mondo,
sei l’arcobaleno della nostra vita.
 
 
 
 
Anche se brillate
mille soli in più,
profumate più d'ogni
fiore al mondo,
queste mimose
cercheranno di eguagliarvi,
e so che voi,
amerete ogni loro gemma.
 
 
 
È la prima cosa che ho visto,
la prima gioia che ho scoperto,
la mia più grande realtà che perderò,
ma solo per un po’.
 
Il mio primo bacio a lei.
Il mio primo abbraccio con lei.
Il mio primo respiro a lei,
il mio primo amore, lei.
 
Se ci sono aggettivi per descriverti,
suggeriscimi,
se ci sono frasi che non ti ho dedicato,
perdonami.
 
Quello che provo per te,
non è un semplice affetto o amore verso una madre,
ma molto, molto di più,
di quanto la mia umanità possa fare.
 
La mia salvezza in questa vita,
Tu,
la mia certezza,
ancora Tu.
 
 
Dio non poteva regalarmi qualcosa di più grande,
non ci sarebbe riuscito,
perché una delle sue più grandi opere,
è la Mamma.
 
Vivi in me,
a volte mi sembra davvero di essere una sola persona,
ma ci ha divisi fisicamente,
per donare il nostro Amore agli altri.
 
Non esistono parole che riescano a descriverti,
non esistono gesta con cui possa lusingarti,
ed ecco perché ogni volta
io riassumo il mio Amor per te in un unico ed immenso Abbraccio.
 
 
 
 
Ogni tuo sorriso
è per me un giorno
di vita meritato.
 
Qualsiasi cosa,
anche la più puerile
che potrebbe sembrare,
se ti rende felice, io la farò,
se chiederai.
 
Una seconda mamma
sei per me,
e io bambino,
un primo figlio tuo.
 
Ascoltami come un padre,
perdonami se sbaglio,
vorrei poter solo
esaudire ogni tuo desiderio.
 
 
 
Uno come te mai lo cambierei,
sennò ora chissà dove mi troverei.
Sei anche tu nei miei pensieri,
oggi come ieri.
 
Molti papà ti possono invidiare,
perché uno come te si potrebbe forse inventare.
Ogni cosa che fai per me,
devo ammettere vale per tre.
 
Ma ora devi riposarti,
ci sono io ad aiutarti.
Mai ti raggiungerò,
ma al meglio ti onorerò.

Un mistero infinito,
un velo invisibile,
che ti avvolge l’anima.

 

Non ci sono commenti presenti.

Pubblica il tuo commento (minimo 5 - massimo 2.000 caratteri)

Qui devi inserire la tua Login!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password?

Qui devi inserire il tuo nickname!

Qui devi inserire la tua email!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password? Inserisci il tuo indirizzo email e riceverai i dati di accesso.

Qui devi inserire la tua email!

Ritorna alla login

Chiudi