Maldola Rigacci
OBBLIGO DI RINASCERE OVVERO IL VOLO DEL CALABRONE

Vedi
Titolo OBBLIGO DI RINASCERE OVVERO IL VOLO DEL CALABRONE
Autore Maldola Rigacci
Genere Poesia      
Pubblicata il 21/03/2020
Visite 314

Avrei voluto precedere la piena primavera,
L'esplosione del glicine,
Il volo del calabrone nero
Quello che batte le ali tanto forte
Che nessuno sa come fa.
Ma lei mi trattiene al bordo,chiede la pazienza
Dei grappoli,un po' di viola per volta,
Mi tiene alla finestra con gli occhi
Neri e senza ali,
Gli occhi che sbattono lenti sulle danze dei calabroni,
è allora che capisco come fanno.
Avrei voluto raggiungerti,amore,per vedere con te nascere la primavera,ma lei lo ha fatto
d'improvviso o lenta,non so, senza me
E te. Senza noi.
Che sia io allora la primavera,
Che impari la pazienza e l'oscuro della zolla,
Impari la paura della terra riarsa, l'attesa del sole e della pioggia.
Che possa imparare a nascere,
E l'obbligo di rinascere.
 

  • Bella, Maldola, come sempre le tue. Qui l’equilibrio è tra il desiderio insoddisfatto e l’ansia di vivere, comunque... un caro saluto:-)
    M. Gisella Catuogno (24/03/2020 09:39:29)

Pubblica il tuo commento (minimo 5 - massimo 2.000 caratteri)

Qui devi inserire la tua Login!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password?

Qui devi inserire il tuo nickname!

Qui devi inserire la tua email!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password? Inserisci il tuo indirizzo email e riceverai i dati di accesso.

Qui devi inserire la tua email!

Ritorna alla login

Chiudi