Virginia Monteverde
Respiro dell’arte - 2020 Artists for Life

Titolo Respiro dell’arte - 2020 Artists for Life
Autore Virginia Monteverde
Genere Catalogo - Arte      
Pubblicata il 10/09/2020
Visite 37
Collana Art Commission
Il Respiro dell’Arte è il progetto artistico promosso da Art Commission per dare testimonianza del difficile momento che il mondo sta attraversando alle prese con il COVID-19. Il progetto, al quale hanno aderito molti artisti italiani e stranieri, è iniziato durante il periodo di lockdown. Un gruppo scelto di artisti è stato invitato a interpretare, secondo la propria visione e tecnica, quello che è il simbolo della lotta al virus, ovvero la mascherina. La mascherina ha una forte valenza simbolica: da un lato costituisce il baluardo contro l’aggressività del virus e dall’altro rappresenta il segno tangibile dell’adesione di ciascuno di noi a quelle regole comportamentali che, di colpo, hanno stravolto le nostre abitudini di vita. L’arte, dunque, è chiamata a svolgere il proprio ruolo di testimone del tempo, attraverso la peculiarità del linguaggio universale che da sempre la caratterizza. 
 
Il Respiro dell’Arte (The Breath of Art) is an art project devised and organised by the Art Commission association to bear witness to the difficult period the world is going through as it grapples with COVID-19. The project was launched during the lockdown period and involves the participation of many Italian and foreign artists. A select group of artists were asked to interpret – each from their own point of view and each using their own technique – what has become the symbol of the fight against the virus, namely the mask. Masks have a strong symbolic value: on the one hand, they are a bulwark against the aggressiveness of the virus, while, on the other, they also represent a tangible sign that each of us has begun to observe rules of behaviour that have suddenly convulsed our everyday habits. At this point, art is called upon to play its role as a witness to the times by drawing on its special enduring quality as a universal language.
Virginia Monteverde
 
La parola è respiro e la poesia è la sagomazione di questo fiato vitale.
Per questo quando Virginia mi ha proposto di includere questa forma d’arte nel suo progetto ho aderito con entusiasmo e convinzione. In questo caso, poi, si tratta di un gesto di lettura, nel quale si ribadisce la storica priorità orale della poesia. 
È un respiro che prende forma nel viaggio tra la mente dell’autore e l’anima
del fruitore, attraversando caverne e labirinti di bocche e orecchie: nel suo morphing sinestetico questo fiato diventa suono, immagine, odore, brivido tattile, esplosione di gusto. Una centrifuga emozionale che può disincrostare anime e cuori. Una fune tesa tra spazio e tempo che attraversa le vertigini di tutte le arti. 
E, giocando con le lingue antiche, il respiro è una cosa che brucia... 
 
The word is breath, and poetry is the form we give to this vital breath. For this rea- son, when Virginia suggested including this art form in her project, I signed up with enthusiasm and conviction. In this case, what is important is the gesture of reading, which reaffirms the historical primacy of poetry as an oral medium. 
Breath takes on form as it travels be- tween the mind of the author and the soul of the hearer, passing through the caverns and labyrinths of mouths and ears. In its synaesthetic morphing, breath becomes sound, image, smell, tactile thrill and explosion of taste. It is like an emotional centrifuge capable of descaling souls and hearts; a tightrope stretched between space and time that par- takes of the dizziness of all the arts. 
And, to take inspiration from the ancient languages, breath is a thing that burns... 
Claudio Pozzani
 
Abbiamo colto con piacere lo spunto dell’iniziativa di Virginia Monteverde di riconoscere all’artista il ruolo di testimone del tempo e abbiamo trasposto il suo ragiona- mento sul simbolo della mascherina al mezzo espressivo della danza: il corpo. 
La situazione attuale limita il corpo del danzatore privandolo dello spazio di espressione consueto così come la ormai iconografica mascherina censura il viso privandolo di quella parte fondamentale all’espressività e alla comunicazione. 
Con questa idea abbiamo chiesto ai nostri colleghi danzatori di subire la stessa operazione di censura sul corpo intero, componendo una breve danza di cui in video apparirà solo la metà inferiore del corpo, dalla vita in giù, lasciando a chi guarda il dubbio, la curiosità e la libertà di conoscere e interpretare ciò che il danzatore sta vivendo ed esprimendo. 
Gli artisti coinvolti, di diversa nazionalità, e di diversi background sono tutti professionisti del mondo della danza. Il lavoro artistico che ciascuno ha proposto racconta il momento che abbiamo vissuto e stiamo vivendo, ciascuno ha interpretato in maniera personale e creativa lo spunto /limite che abbiamo offerto. 
 
We took our cue from Virginia Monteverde’s initiative to honor the artist as a witness of the times and we have transposed her reasoning on the symbol of the mask to the expressive medium of dance: the body. 
The current situation limits the body of the dancer by depriving it of it’s expressive space, as the now iconographic mask censors the face by depriving it of that which is fundamental expression and communication. 
With this idea we asked our fellow dancers to undergo the same censorship operation on the whole body, composing a short dance in which only the lower half of the body will appear on the video, from the waist down, leaving the viewer with doubt, curiosity and the freedom to interpret what the dancer is experiencing and expressing. 
The artists involved, of different nationalities and different backgrounds, are all professionals in the world of dance. The work that each has proposed tells a story about the moment we have lived and we are living, each has interpreted the compositional limit we proposed in a personal and creative way. 
 
 
Emiliano Alfonsi; Rebecca Ballestra; Connie Bellantonio; Mariella Bettineschi; Stefano Bigazzi; Andreas Burger; Tiziana Cera Rosco; Marcela Cernadas; Isabel Consigliere; Carla Crosio; Pier Giorgio De Pinto; Loredana Galante; Armida Gandini; Mauro Ghiglione; Gianluca Groppi; Sophie Hjerl; Carla Wiseness; Fukushi Ito; Leslie Johnson; Friederike Just; Federica Marangoni; Florencia Martinez; Luisa Mazza; Viviana Milan; Nikos Moschos; Maurizio Nazzaretto; Giuseppe Negro; Anna Oberto; Angelo Pretolani; Paola Rando; Silvano Repetto; Fried Rosenstock; Roberto Rossini; Marco Rotelli; Tadzia e Jean Sadao; Alexander Schabracq; Nina Staeli; Nano Valdes; Anne-Claire Van del Elshout;Stefano Bigazzi; Yang Lian; Roberto Mussapi; Endre Szkárosi; Claudio Pozzani; Les Wicks

 

 

Non ci sono commenti presenti.

Pubblica il tuo commento (minimo 5 - massimo 2.000 caratteri)

Qui devi inserire la tua Login!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password?

Qui devi inserire il tuo nickname!

Qui devi inserire la tua email!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password? Inserisci il tuo indirizzo email e riceverai i dati di accesso.

Qui devi inserire la tua email!

Ritorna alla login

Chiudi