M. Gisella Catuogno
A peste, a fame, a bello libera nos, Domine

Titolo A peste, a fame, a bello libera nos, Domine
Autore M. Gisella Catuogno
Genere Articolo - Critica, Opinione      
Pubblicata il 02/03/2022
Visite 713

 Dalle pestilenze, dalla fame, dalla guerra, liberaci, o Signore.

Così pregavano le genti del Medioevo, per tenere lontani i flagelli più temibili – pestilenza fame e guerra – legati a doppio filo tra di loro e precursori del quarto, irreversibile e definitivo, la morte.

Eppure, purtroppo, in questi tempi difficili la preghiera possiede una sua tragica attualità. Dopo due anni di pandemia, proprio adesso che cominciavamo a intravedere qualche barlume di luce, ecco che sull’Europa s’abbatte una guerra d’aggressione della Russia sull’Ucraina, pericolosissima per i fragili equilibri internazionali e per il mondo intero. Non ce l’aspettavamo, diciamo la verità, anche se le Cassandre lo annunciavano da settimane. Poi solo tre giorni fa – ma pare molto di più! – l’inizio dei bombardamenti, il lancio dei missili, le distruzioni, i movimenti dei rispettivi eserciti, nelle campagne, nei borghi, nelle città, con la popolazione civile che diventa la vittima sacrificale dello scempio. E il pensiero va a loro: ai bimbi, alle mamme, ai babbi, alle donne incinte, ai vecchi, sorpresi nella notte dal rumore sordo degli aerei in avvicinamento e dalle sirene che urlano d’abbandonare le abitazioni, nella concitazione di prendere l’indispensabile e scendere nei sotterranei, nelle stazioni della metropolitana o negli scantinati, ovunque, perché in gioco ormai è la vita e basta un niente per perderla.

E può capitare che una ragazza di ventitré anni abbia finito il tempo di gestazione e la sua bambina debba nascere là sotto, con l’aiuto di chi può, di che sa o s’improvvisa e la natura fa il suo corso, la piccola nasce, sta bene, come la sua giovane mamma, e questa bimba viene chiamata Mia, pace, come auspicio, come buon augurio.

 

La pace, appunto, questo bene così prezioso e così negletto dall’umanità, che non lo cura abbastanza, mentre le armi tacciono, salvo ricordarsi del suo valore quando è troppo tardi, quando vale la legge del più forte e l’unica risposta al sopruso è la resistenza, anch’essa armata, oltre che il coraggio e la dignità, in uno scontro impari, che ci ricorda quello di Davide contro Golia.

 

Ne abbiamo vissuti tanti di conflitti nei decenni che ci separano – per ora, ma speriamo per sempre – dal più devastante, la seconda guerra mondiale: non per nulla, da anni, papa Francesco parla di “terza guerra mondiale a pezzi”, con riferimento all’Afghanistan, alla Siria, alla Libia, a tutto al martoriato Medio Oriente; e trent’anni fa abbiamo assistito alla guerra fratricida nei Balcani e a quelle in Kossovo, in Cecenia, in Iraq, ma abbiamo guardato poco, colpevolmente, non sentendoci particolarmente coinvolti, anche se avremmo potuto e dovuto. Ora la guerra contro l’Ucraina la possiamo seguire notte e giorno: le telecomunicazioni funzionano, così come l’elettricità e ci sono i social media che ci mettono immediatamente in contatto con chi conosciamo – pare che nella strategia putiniana questo avrebbe dovuto essere vissuto dalla popolazione come un passaggio soft da un governo  ad un altro, senza troppo clamore: peccato che la transizione sarebbe stata da una democrazia ad un regime autoritario! –. Per tali motivi, e forse anche perché la comunità ucraina in Italia è la più numerosa d’Europa, che questa guerra ci coinvolge di più e ci sentiamo solidali con chi mette in un trolley una vita intera, nelle mani dei propri piccoli un peluche, una bambola, un libro di fiabe e fugge dall’orrore.

Stamani pare si sia aperto uno spiraglio per le trattative: entrambe le parti sono disponibili, si tratta di scegliere il luogo giusto. Che sia la volta buona, che siamo ancora in tempo.

 

 

 

Non ci sono commenti presenti.

Pubblica il tuo commento (minimo 5 - massimo 2.000 caratteri)

Qui devi inserire la tua Login!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password?

Qui devi inserire il tuo nickname!

Qui devi inserire la tua email!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password? Inserisci il tuo indirizzo email e riceverai i dati di accesso.

Qui devi inserire la tua email!

Ritorna alla login

Chiudi