Maldola Rigacci
A Lorenzo Bernini (ESTASI)

Vedi
Titolo A Lorenzo Bernini (ESTASI)
Autore Maldola Rigacci
Genere Poesia      
Pubblicata il 26/09/2003
Visite 4695
Punteggio Lettori 127
Note turbamenti nati dal contatto visivo con l’estasi di S.Teresa del Bernini
Dimmi, Signore,
questa è la preghiera che vuoi da me?

Dopo letti di freddo marmo lucente,
che salgono
alla tua croce
e non rimandano suoni,
se non i brividi
di un corpo steso a chiedere.

Dopo tanti canti,
nei mattini ancora gonfi di stelle,
la voce piegata
perché fosse più dolce,
la voce piegata per l’orrore
del silenzio assoluto.
Dopo anni ad ignorare
un seno che gonfia
come il calice di un principe,
anni ad urlare
nelle viscere nutrite
solo dalla tua ostia,
dunque
questa è la preghiera
che reclama il tuo sangue?

Così sia, poiché di te mi sono nutrita:
Guardami, o Signore,
dall’alto della tua croce,
la cella è una camera di viole
e profuma di terra.
E tu mi guardi,
mentre danzo per la tua resurrezione.
La mia bocca chiude
le tua urla di dolore.
Le mie carezze asciugano
sangue e sudore.
I miei denti mordono
i tuoi chiodi.
Guardami, o Signore
e dimentica il Padre.
Il mio bacino è il tabernacolo
per il tuo corpo.
La mia lingua intrisa
d’incensi
percorre la tua carne perché
non si irrigidisca.

Io
ti preparo alla Resurrezione.



Commenti dei Lettori
Commento della redazione

Davvero sentita anche se a tratti mi è parsa un tantino irriverente (solo impressione?). L’ultima parte è molto bella.
Voto Attribuito: 5
Amset (26/09/2003)

Una poesia sontuosa la tua ... e intrisa di profonda religiosità. Si respira odore d’incenso e si ode il silenzio di una chiesa vuota. Ottimo connubio tra scultura e poesia. Ciao.
Voto Attribuito: 5
CRISalide (26/09/2003)

Non è una preghiera. Non è un pianto, tu dici Estasi, a me sembra un fiume di tristezza.
Voto Attribuito: 5
santos morena (26/09/2003)

Piaciuta molto.
Voto Attribuito: 4
nuccio grosso (26/09/2003)

Molto efficaci ritmo e versi... In genere non voto le poesie che si ispirano alla religione: MA QUESTA E’ POESIA, a prescindere.
Voto Attribuito: 5
Carlo Ragonesi (26/09/2003)

una cosa che è bella da leggere, e rileggere...........
Voto Attribuito: 5
Franco Ganovelli (26/09/2003)

Ottima-
Voto Attribuito: 5
Ulysses54 (26/09/2003)

Potenza dell’arte che suscita estasi mistiche. Poesia perfetta!
Voto Attribuito: 5
corsaro solitario (26/09/2003)

particolarmente piaciuta tutta la parte finale
Voto Attribuito: 5
Massimo Botturi (27/09/2003)

Ci vuole corraggio per essere blasfemi,del resto anche guardando nel volto della donna ritratta dal Bernini si mescolano lascivum amor et pudicitia.
Voto Attribuito: 5
orsettotommi (03/10/2003)

Devi amarla veramente tanto questa poesia, per averla riproposta dopo tanto tempo. Non riesco a capirne il senso completo nonostante l’abbia analizzata attentamente. O faccio finta? Quello che vagamente mi ha suggerito è talmente blasfemo, tanto da non farmela apprezzare per quanto merita. la forza che suscita non ha niente a che vedere con la religione (a mio avviso). La voto perché è ben scritta e non è finta neanche al millesimo.
Voto Attribuito: 5
Marina Minet (05/10/2003)

Sontuosa, sensuale, barocca, immaginifica, mozartiana...perciò sicuramente da gustare e da invidiare.Un abbaraccio alla statua più sensuale della storia della poesia, ciao
Voto Attribuito: 5
antonio salieri (24/11/2003)

Sa d’antico questa tua, riporta a galla emozioni. ( Ps. Il mare? Quello dell’arcipelago toscano..) ciao sandra
Voto Attribuito: 5
Sandra / Salsedine (29/11/2003)

Pubblica il tuo commento (minimo 5 - massimo 2.000 caratteri)

Qui devi inserire la tua Login!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password?

Qui devi inserire il tuo nickname!

Qui devi inserire la tua email!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password? Inserisci il tuo indirizzo email e riceverai i dati di accesso.

Qui devi inserire la tua email!

Ritorna alla login

Chiudi