Alessandra Palombo
Canto d’amore

Vedi
Titolo Canto d’amore
Autore Alessandra Palombo
Genere Poesia - Amore      
Dedicato a
avevo voglia di scrivere d’amore....
Pubblicata il 03/01/2004
Visite 5080
Punteggio Lettori 90

Che ne sanno di noi

coloro che mormorano contro?

Ed io ti canto,

amore mio da tutti disprezzato,

perché sollievo portasti

alle ore buie del mio pensare.

Ed io dal tuo dannoso amore

non oso ancora allontanarmi

e perdere l’intimo/l’ultimo

piacere che mi doni mentre

accendo in te l’acre tuo tabacco.







Commenti dei Lettori
Commento della redazione

Mi piace tutta, tranne il verso di chiusa..

Voto Attribuito: 4
Laide (Sacred Dream) (03/01/2004)

E scrivi d’amore. Se poi lo fai così...
Voto Attribuito: 5
Anna Fabiano (04/01/2004)

Laide forse non fuma e per questo forse non ha capito. L’amore per una sigaretta lo si capisce quando, sotto la pioggia, alle due di notte, imprechi contro un distributore automatico che non accetta le tue monete. Come tutti gli amori proibiti ha qualcosa di non spiegabile. Domanda "filofosica": ma quando l’accendiamo facciamo vivere o morire quell’oggetto del desiderio? Brava Sandra, fino all’ultimo verso si può pensare ad un uomo che ami clandestinamente. E non sveli del tutto neanche alla fine. Anzi forse mi sbagllio io e ha ragione Laide. Chissà...
Voto Attribuito: 5
ginko (04/01/2004)

mmmmmm... io do ragione a laide, l’ultimo verso proprio non mi piace, comunque una poesia gradevole e non lunga, le poesie lunghe le odio.
Voto Attribuito: 4
PensaNecro (04/01/2004)

"... allora, Betty, vai da Snarles il pittore, e digli di dipingere un cartello con ’vietato il suicidio, e vietato fumare in salotto’; così prendo due piccioni con una fava."
Hermann Melville - Moby Dick

L’ultimo verso, però... ha un "tuo" di troppo.
Voto Attribuito: 5
Benito Ciarlo (04/01/2004)

a volte scorre con difficoltà...è una situazione che purtroppo prima o poi tutti vivono almeno una volta...io in questo caso ho già dato...e ho anche preso in cambio il nulla....come sempre, d’altronde...
Voto Attribuito: 3
deianira (04/01/2004)

E io che dovrei dirti con il mestiere che faccio?.......
Voto Attribuito: 5
AISEOP (04/01/2004)

Condivido l’innamoramento - da ben 43 anni e malgrado tre bypass aortocoronarici con innesto di due mammarie - per i distributori automatici di MS, da parte del nemico - ma mio amiko? - di Diabolik. Punto. La Fabiano, mmmmmm!!!, si chiede se amoreggi come scrivi: io correrei il rischio per una veri-fica "de visu atque tactu". Presuntuosetto il tuo accomunarti alla somma Anna ( e non è ironia la mia), ma ci sai veramente fare con le...parole. Complimenti veri. Leggerotti con attenzione, a prescindere dai commenti che facciotto, per manifesta incapacità, "cumme granumme salìsse" (che fa rima con Jalisse). Quel "tuo" finale, se ben ho compreso, non è affatto un ... di più.
Voto Attribuito: 5
mercuzio (04/01/2004)

l’ultimo verso spiazza perché mi ha creato una immagine che non mi aspettavo però la poesia è delicata.
Voto Attribuito: 4
Simone Meneghesso (04/01/2004)

FACILISSIMO :::::::: COME FUMARE UN SIGARO !
Superlativa !!!!!
Voto Attribuito: 5
Agostina Sigonella (04/01/2004)

Pubblica il tuo commento (minimo 5 - massimo 2.000 caratteri)

Qui devi inserire la tua Login!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password?

Qui devi inserire il tuo nickname!

Qui devi inserire la tua email!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password? Inserisci il tuo indirizzo email e riceverai i dati di accesso.

Qui devi inserire la tua email!

Ritorna alla login

Chiudi