Maldola Rigacci
LE FATE DELL’EQUINOZIO DI PRIMAVERA

Vedi
Titolo LE FATE DELL’EQUINOZIO DI PRIMAVERA
Autore Maldola Rigacci
Genere Poesia      
Dedicato a
a Daria, a me, e tutte le gioie improvvise
Pubblicata il 20/03/2004
Visite 4502
Scritta il 20/03/2004  
Punteggio Lettori 127
Note Da leggere ascoltando la danza dei fiocchi di neve dallo "Schiaccianoci" di Tciaikovski.
Le fate danzano
nella stanza accanto,
hanno voci d’ore quotidiane.

L’odore del tempo
torna
nella vecchia pendola,
suona i vecchi roseti
perduti,
attese contate
con ciottoli asciutti.

Le fate danzano
nella stanza accanto
con oscuri occhi di lava
e un riposo nuovo
sulle piccole bocche.

Torneranno nelle notti
di giugno
gli anelli di lucciole
che insieme a te non ho visto mai?

Dolce fragile momento,
filatura di ragno
sospesa,
sussulto di iridescenza
sulla danza delle fate.


Non ci sono commenti presenti.

Pubblica il tuo commento (minimo 5 - massimo 2.000 caratteri)

Qui devi inserire la tua Login!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password?

Qui devi inserire il tuo nickname!

Qui devi inserire la tua email!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password? Inserisci il tuo indirizzo email e riceverai i dati di accesso.

Qui devi inserire la tua email!

Ritorna alla login

Chiudi